Il primo impianto eolico delle Seychelles realizzato dalla Masdar

Seychelles: il primo parco eolico per sostituire i generatori inquinanti

Le Seychelles sono un arcipelago di 115 isole nell’Oceano Indiano, a circa 1000 km a est della costa africana. L’arcipelago, per l’alimentazione elettrica, si basa su inquinanti e costosi generatori alimentati a diesel. Basti pensare che l’importazione del diesel incide per il 25 per cento sul totale delle importazioni.

In un quadro di questo genere, le energie rinnovabili possono essere la migliore soluzione per evitare l’inquinamento e portare un notevole risparmio energetico a tutto l’arcipelago delle Seychelles. Infatti è stato da poco inaugurato il primo parco eolico delle Seychelles.

Si trova a Mahé, l’isola più grande dell’arcipelago. Ha una capacità di 6 megawatt, che dovrebbe essere sufficiente per soddisfare circa l’8% della domanda di energia elettrica dell’isola. Questo nuovo impianto è in grado di ridurre 5.500 tonnellate di emissione di anidride carbonica ogni anno, dunque di ridurre anche le emissioni di smog; inoltre potenzia la portata elettrica di più di 2.100 abitazioni, risparmiando 1,6 milioni di litri di gasolio ogni anno.

[wzslider autoplay=”true” interval=”5000″ info=”true” lightbox=”true”]

Di sicuro questo può essere considerato un buon inizio per espandere sempre più la capacità energetica eolica, pensando anche a un rafforzamento della produzione di energia pulita con impianti fotovoltaici e per il solare termico, fino ad arrivare alla copertura totale dell’energia elettrica da fonti pulite.

Le nazioni insulari sono i luoghi ideali per l’utilizzo dell’energia eolica, infatti i parchi eolici possono beneficiare del vento che continuamente spira nelle zone marine, ma senza i costi aggiuntivi annessi della costruzione in acque profonde dei parchi eolici off-shore, vale a dire in mare aperto.

Questo parco eolico è stato sviluppato dalla Masdar, una società energetica di proprietà del governo di Abu Dhabi, attraverso la Mubadala Development Company, e finanziato dal Fondo di Abu Dhabi per lo sviluppo (ADFD).