Eco bonus 2013: proroga e aumento al 65%

Come anticipato, è stata approvata la proroga dell’eco bonus 2013, con un aumento percentuale dal 55% al 65%. L’eco bonus 2013  al 65% è diretto a tutti coloro che realizzeranno una ristrutturazione ai fini dell’efficienza energetica, mentre rimane confermato al 50% per tutti coloro che si limiteranno a semplice ristrutturazione.

Il termine dell’eco-bonus 2013 è stato prorogato di 6 mesi per i singoli cittadini, quindi con scadenza al 31 dicembre 2013, mentre è stato prorogato di un anno per i condomini, quindi fino al 30 giugno 2014.

Per avere diritto all’eco bonus, la riqualificazione energetica dovrà essere di una certa rilevanza: dovrà, infatti, implicare almeno il 25% della superficie dell’abitazione o dell’edificio. Questo provvedimento risponde alle direttive UE dirette a favorire la riqualificazione e l’efficienza energetica del patrimonio immobiliare italiano. Oltre a promuovere il miglioramento della prestazione energetica degli edifici, questo decreto legge, come si legge dal comunicato stampa della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è diretto a favorire lo sviluppo e l’integrazione delle fonti rinnovabili negli edifici, sostenere la diversificazione energetica, promuovere competitività e sviluppo tecnologico nell’industria italiana e raggiungere gli obiettivi nazionali in materia energetica e ambientale.

L’ammontare complessivo della ristrutturazione non deve essere superiore a 96.000 euro, ma la proroga dell’eco bonus 2013 è stata estesa anche all’acquisto di mobili finalizzati all’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione, per un massimo di 10 mila euro (in pratica si concede un bonus di 5.000 euro). Le detrazioni riguarderanno anche gli interventi di ristrutturazione relativi all’adozione di misure antisismiche, ma anche all’esecuzione di opere per la messa in sicurezza statica delle parti strutturali degli edifici.