Calore “verde”: caldaie a condensazione e pompa di calore

di Redazione Casa Naturale

Il calore “verde” è possibile, utilizzando caldaie a condensazione e  a pompa di calore. In Italia gli edifici sono responsabili di circa il 40% del consumo di energia primaria e buona parte di questa energia (in un’abitazione ad esempio può valere anche l’80%) viene utilizzata per il riscaldamento, il condizionamento e la produzione di acqua calda.

Per limitare i fabbisogni energetici, oggi si punta sull’ottimizzazione dell’isolamento della struttura in fase costruttiva. Per quanto riguarda le tecnologie per l’impianto di riscaldamento, le caldaie a condensazione si caratterizzano per il raffreddamento dei fumi di scarico fino a temperature alle quali il vapore acqueo, contenuto nei fumi stessi, condensa, cioè torna allo stato liquido, consentendo di recuperare energia che viene ceduta all’impianto e non dispersa.

[wzslider autoplay=”true” interval=”5000″ transition=”‘slide’” info=”true”]

Ma è possibile dimezzare ulteriormente i consumi di energia e le emissioni di CO2, utilizzando la pompa di calore, che sfrutta dal 75% al 100% fonti rinnovabili, rispetto alle soluzioni tradizionali a combustione che usano fonti fossili, e si distingue per efficienza energetica e bassi costi di esercizio. I sistemi in pompa di calore richiedono certamente attenzioni nelle fasi iniziali, specie nella progettazione e realizzazione, ma i risultati valgono per tutto il ciclo di vita dell’impianto e portano a risparmi importanti a favore dell’utilizzatore e dell’ambiente.

La pompa di calore è un dispositivo che permette di scambiare calore tra una fonte di energia (il terreno, ma anche l’aria dell’atmosfera o l’acqua di una falda freatica) e un ambiente a temperatura diversa.

Come funziona la pompa di calore

Può funzionare nei due sensi (per il riscaldamento invernale o per la refrigerazione estiva): assorbe calore dal fluido “vettore”, che proviene dalle sonde, facendolo evaporare in un evaporatore, poi ne innalza la temperatura attraverso il compressore e cede calore all’ambiente attraverso un condensatore, collegato all’impianto di distribuzione che porta il calore in tutta l’abitazione. In un impianto geotermico domestico, la pompa di calore è in grado di portare la temperatura dell’acqua dagli 8 – 12° C del fluido vettore ai circa 35 – 40°C dell’acqua che circola nei pannelli radianti dell’impianto di distribuzione, ma l’acqua può essere portata anche a temperature molto superiori (circa 70°C) se l’impianto è di tipo a termosifoni. Durante questo processo, la pompa di calore consuma energia elettrica, ma i sistemi moderni sono molto efficienti e ad altissimo rendimento, in grado di produrre molta più energia (termica) di quella (elettrica) consumata.

© Riproduzione riservata.

Abbonati online

fino al 50% di sconto

100 Idee per Ristrutturrare Digital Edition 100 Idee per Ristrutturrare Apple App Sore 100 Idee per Ristrutturrare Google Play Store

Digital Edition

Disponibile su browser, tablet e mobile app iOS e Android.

Prova Gratis

save papersave paper

Edizione Cartacea
+ Digital Edition

Scegli la comodità del cartaceo con in più la versione digitale.

Abbonati Ora

1 anno a soli 21,50 €

Partner

I più letti

Energia domestica: utenze pubbliche addio

Sarotto Group presenta sul mercato un’innovativa soluz...

Il tetto a prova di emergenza climatica

Sempre più spesso la cronaca ci restituisce scenari dr...

cassonetti rifiuti | distanza dalle abitazioni

La distanza dei cassonetti dei rifiuti dall’abitazione

Abito in un appartamento al piano terra, il cui ingress...

Il cotone organico

Che cos’è il cotone organico

Che cos’è il cotone organico Il cotone biologico è un...

Due case in una

Grandi vetrate e avancorpi a sbalzo sono le principali...

Casa Naturale su Instagram