Un tuffo in una piscina naturale

Possono essere simili a un lago e a sponde o a una piscina tradizionale a pareti verticali, più o meno tecnologiche, ma «le piscine per essere “bio” devono utilizzare un metodo naturale di filtrazione dell’acqua, la fitodepurazione», spiega Anja Werner, architetto paesaggista dell’omonimo studio. «L’acqua viene aspirata, mandata nella zona radicale delle piante e, in alcuni casi, in un circuito meccanico di filtrazione».

Fare il bagno in una bio piscina però non vuol dire nuotare tra le piante: la zona balneabile è infatti separata da quella di depurazione. Ma quali sono queste piante?

«Appartengono a tre gruppi distinti, utilizzati spesso in contemporanea: le piante ossigenanti, che vivono sott’acqua; quelle con foglie galleggianti, che creano ombra utile a controllare la temperatura dell’acqua e agli animaletti che vi vivono; quelle palustri, che ricoprono il vero ruolo di depuranti, assorbendo gli inquinanti». Niente chimica quindi né problemi di allergie da cloro.

Inoltre sono belle 12 mesi all’anno, perché non vanno mai coperte, diventando una parte importante del giardino. E possiamo dimenticarci di aspirare i depositi naturali molto più a lungo che in una piscina tradizionale, senza perdere la perfetta funzionalità della depurazione naturale.

Atmosfere marine

Oaxis è il marchio di piscine naturali di Solaris. Con forme arrotondate e profondità progressiva, sono dotabili di solarium, spiagge immerse, rocce e sassi, nonché aiuole e luci per creare atmosfere lontane a due passi dalla propria abitazione.

Visita il sito web di Piscine Solaris

Sculture naturali

Questa piscina paesaggistica, che richiama atmosfere marine, è un esempio dei bacini naturali integrati nel paesaggio realizzati da Sculpteurs de Nature. Creabili in diverse dimensioni, con attento restauro delle rocce, è possibile inserire cascate.

Visita il sito web di Sculptures de Nature

Tecnologia certificata

Una bio piscina realizzata da Bionova Italia. In questo modello la zona di filtrazione oltre a essere separata è ribassata rispetto a quella di balneazione. Tutti gli impianti di questa azienda sono certificati secondo le normative igieniche FLL.

Visita il sito web di Bionova Italia

Nuovi materiali


Per l’eliminazione dell’uso del cemento armato nella costruzione delle bio piscine, considerato inquinante in ogni fase di produzione, Biodesing offre un rivestimento ecosostenibile, come quello del modello presentato, composto da resine e quarzi.

Visita il sito web di Bio Design

Come un lago

Più che una piscina un giardino acquatico, che unisce la bellezza, i colori e i profumi delle piante al piacere della balneazione. Questa piscina in affaccio sulle colline marchigiane affianca zona di rigenerazione e zona per l’attività natatoria.

Visita il sito web di Piscine Natura

Caldo abbraccio

Le pareti con angolatura inferiore alle piscine tradizionali di questa scenografica piscina di Stilelibero permettono di ospitare meno acqua, garantendo una temperatura più elevata. Inoltre, il rivestimento funge da trasmettitore di calore.

Visita il sito web di Stilelibero

Limpidezza a tutto tondo

L’importanza della depurazione ad opera delle piante nelle piscine biologiche Planeta è affiancata da un filtraggio biologico e un sistema a raggi UV, che sterilizza l’acqua. Il risultato è quasi uno specchio naturale perfetto per la balneazione.

Visita il sito web di Planeta

© Riproduzione riservata