Scuola dei Quartieri, incontro a Giambellino Milano

A Milano la Scuola dei Quartieri insegna a progettare la città

Cittadinanza attiva, progettazione partecipata, formazione e impresa. Sono le parole d’ordine del progetto “La Scuola dei Quartieri – Sono i cittadini che fanno la città”, voluto dall’Assessorato al Lavoro di Milano. Presentata lo scorso mese, la Scuola dei Quartieri si propone di aiutare concretamente gli stessi cittadini a far crescere e migliorare i luoghi in cui vivono.

Una Scuola dei Quartieri per contribuire alla comunità

Sono i cittadini che fanno la città. Prima, però, devono imparare come. Ecco dunque che l’Assessorato delle Politiche per il Lavoro di Milano si è inventato la Scuola dei Quartieri. Il progetto è nato dalla collaborazione con una rete di associazioni e istituzioni specializzate nello sviluppo di comunità e nell’innovazione sociale, tra le quali figura anche il Politecnico di Milano
“La Scuola dei Quartieri – commenta l’assessore Cristina Tajani – non vuole solo formare i cittadini ma invogliarli a contribuire alla vita attiva della comunità. Perché migliorando il quartiere in cui sui vive si migliora la città”.

Scuola dei Quartieri Milano

Trasformare le idee in progetti concreti

La Scuola dei Quartieri non sarà uno spazio fisico, ma un percorso di formazione e di attività multidisciplinari per trasformare idee in progetti concreti. Ogni cittadino che abbia in testa un progetto o anche solo un’intuizione per migliorare la vita nel proprio quartiere può partecipare agli incontri. Non ci sono limiti di età o di titolo scolastico, chiunque può mettersi in gioco.
I progetti accolti possono spaziare dall’artigianato al riciclo, dalla solidarietà ai servizi collaborativi. L’obiettivo è quello di promuovere non solo la coesione della comunità, ma anche il suo sviluppo economico, generando delle vere e proprie opportunità di lavoro e di impresa in particolare per le periferie.

A maggio il bando per la formazione intensiva

Per chi ha già in mente un progetto preciso, la Scuola dei Quartieri ha predisposto un bando apposito in uscita a maggio. Le persone selezionate potranno accedere a un percorso di formazione intensiva di 10 settimane. Per imparare come strutturare il progetto, creare un business plan e accedere ai finanziamenti pubblici. Al termine del percorso, il Comune assegnerà ai soggetti ritenuti idonei delle borse progetto di 25mila euro per finanziare il primo anno di attività. Un’occasione, insomma, per passare dalla teoria alla pratica.

Approfondimenti:
Per saperne di più sul progetto, visiti il sito della Scuola dei Quartieri.
Sai cos’è una portineria di quartiere? Scoprile leggendo il nostro articolo.

© Riproduzione riservata