Vita su Marte

di Redazione Casa Naturale

vita su Marte

«Non è sufficiente essere in grado di sbarcare su Marte e di sopravvivere. Ora la sfida è sviluppare sistemi sostenibili per abitare, e per amare, il Pianeta Rosso». Vera Mulyani, fondatrice del concorso internazionale Mars City Design sponsorizzato dalla Nasa, non ha dubbi sul fatto che un giorno i terrestri popoleranno vere e proprie città sul suolo marziano. E quel giorno non sembra così lontano, a giudicare dai progetti vincitori dell’edizione 2017. Il primo premio se lo è aggiudicato una giovane ricercatrice italiana, Valentina Sumini, a capo della squadra del MIT di Boston. Redwood Forest è il nome della città immaginata dal team: pensata per imitare la struttura di una foresta di sequoie, che sfrutti la luce solare, il ghiaccio e il suolo del Pianeta per produrre tutto il necessario. Un ecosistema di cupole autosufficienti, in grado di ospitare fino a 10mila abitanti. Quartieri collegati da tunnel sotterranei, sviluppati come radici. David Bowie (sempre che non sia già lì) preparerebbe subito le valigie.

I numeri

  • -63°C la temperatura media sul pianeta rosso
  • 6787 km il diametro di Marte, metà di quello terrestre
  • 225 ml di chilometri la distanza media dalla terra
  • 687 giorni la durata dell’anno marziano
  • 26,6 kg il peso di un uomo di 70kg su marte

Di Giorgia Marino

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

cassonetti rifiuti | distanza dalle abitazioni

La distanza dei cassonetti dei rifiuti dall’abitazione

Abito in un appartamento al piano terra, il cui ingress...

Il cotone organico

Che cos’è il cotone organico

Che cos’è il cotone organico Il cotone biologico è un...

Il sughero, isolamento coerente con la bioedilizia

Isolare gli edifici in legno con il sughero Corkpan: u...

Condividere lo sguardo

Tra montagna e bosco, immerse nel verde sconfinato del...

Un sistema efficiente per un’accoglienza tutta green

Le soluzioni di produzione energetica proposte da Para...

Casa Naturale su Instagram