Il pomodoro che resiste alla siccità

di Redazione Casa Naturale

coltivazione pomodori resistenti alla siccità | Tomres

L’obbiettivo del progetto europeo Tomres è creare un pomodoro che non ha bisogno di acqua. La verdura del futuro dovrà essere nutriente e sana ma dovrà avere una caratteristica oggi non contemplata, la resilienza.

Tutti gli ortaggi dovranno, infatti, essere capaci di adattarsi alla scarsità di risorse e alla presumibile carenza idrica che affliggerà sempre di più la Terra.

Il progetto Tomres

Finanziato con 6 milioni di euro, nell’ambito del programma Horizon 2020, il progetto coinvolge dieci paesi europei, 25 partner e 200 tra tecnici e ricercatori.

È stato scelto il pomodoro perché si tratta di una delle basi dell’alimentazione mediterranea, ed è tra i frutti più coltivati al mondo.

Saranno prese in considerazione oltre 10 mila varietà provenienti da Italia, Spagna, Francia, Grecia, Gran Bretagna, Belgio, Germania, Slovenia, Romania e Israele allo scopo di valutare le più resistenti ai fattori climatici.

Un traguardo sarebbe riuscire a ridurre il consumo d’acqua di almeno il 20% durante la coltivazione. Lo studio approfondito degli strigolattoni, ormoni che presiedono alla crescita e in grado di controllare lo stress da siccità, potrebbe giovare alla ricerca.

I super pomodori cresceranno nelle serre di Grugliasco, alle porte di Torino e nel casertano.

Pubblicità

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Piccole case, grandi progetti

Abitazioni compatte, sostenibili e in completa simbios...

cassonetti rifiuti | distanza dalle abitazioni

La distanza dei cassonetti dei rifiuti dall’abitazione

Abito in un appartamento al piano terra, il cui ingress...

Il cotone organico

Che cos’è il cotone organico

Che cos’è il cotone organico Il cotone biologico è un...

Osservare l’albero da dentro

Una casa tra i rami può essere il punto di partenza pe...

Ridefinire il benessere

Un progetto che unisce la cultura francese con quella...

Casa Naturale su Instagram