quartiere a impatto zero | Passivhaus

Gli smart building tedeschi

Sulle sponde del fiume Necker, a Bahnstadt, sorgerà il primo quartiere tedesco a impatto zero. I lavori che daranno vita al complesso edilizio Passivhaus, costruito interamente all’insegna dell’efficienza energetica, procedono velocemente.

green building | Passivhaus

Una comunità vivente

Si tratta di un progetto all’avanguardia, che oltre ad una particolare disposizione degli edifici, volta a facilitare le interazioni sociali, contempla la tutela dell’ambiente mediante la realizzazione di orti urbani e l’istallazione di pannelli solari.

Green building

Rispettare l’ambiente significa anche saper sfruttare risorse energetiche alternative e limitare i trasporti su strada all’indispensabile. La logica che c’è dietro i green building dell’Heidelberg Village, è proprio questa: realizzare costruzioni sostenibili, in grado di migliorare lo stile di vita degli inquilini.

Peculiarità

A lavori ultimati le unità abitative del complesso abitativo Passivhaus saranno 162 per un totale di 6100mq di superficie riqualificata.

Sfruttare la luce e il calore del sole, non sono le uniche prerogative dell’innovativo comprensorio. Degli appositi sensori posti sulle pareti dei palazzi, alti non più di 5-8 piani, provvederanno ad attivare sistemi di ventilazione automatica, qualora la qualità dell’aria peggiorasse.

Funzione analoga avranno le pareti, in grado di mangiare lo smog e rimuovere microorganismi nocivi alla salute.

© Riproduzione riservata