Pavimento ecosostenibile: artificiali e naturali

di Redazione Casa Naturale

Alulife

A determinare una buona percentuale della funzionalità ma soprattutto della piacevolezza di un’abitazione, sono senza dubbio le soluzioni adottate per le finiture degli ambienti ed è per questo che gli interior designer sono quasi sempre concordi nel dare alle finiture un ruolo essenziale nella progettazione di interni. È importante dunque scegliere con attenzione un pavimento ecosostenibile, perché da loro dipenderà molto dell’impatto formale di arredi e complementi.

Al di là della volontà di adottare soluzioni naturali, oggi sono di gran moda i rivestimenti in parquet di legno e quelli in pietra naturale che hanno la capacità di esaltare l’arredamento dando al tempo stesso una piacevole sensazione di calore e comfort. Ma non è indispensabile muoversi in questi due ambiti se si vuole optare per un pavimento ecosostenibile. Anzi, la tradizione e le nuove tecnologie ci vengono in aiuto con una gamma di interessanti soluzioni alternative al legno e alla pietra posata in lastre continue. La tecnica del terrazzo veneziano (e del seminato, che invece punta su superfici continue), per esempio, che recupera piccole pietre e schegge lapidee, viene da un’antica tradizione artigianale che ha radici nell’arte romana e bizantina.

Riscoperto dagli artigiani della regione Friuli che lo diffusero servendosi di ciottoli di fiume di vari colori, arricchiti con pietre e marmi pregiati di varie dimensioni per dare al pavimento sorprendenti effetti cromatici, il terrazzo di granulato di marmo semplice o decorato, dalla fine del 1400 fu la forma più diffusa di pavimentazione a Venezia e nelle case signorili del Veneto. Di segno diverso i motivi per scegliere il linoleum, la soluzione capostipite dei pavimenti resilienti, composto da materie prime di origine naturale, resistente e dalla facile manutenzione ma per lungo tempo relegato ad ambienti pubblici e di grande traffico.

Oggi torna alla ribalta proponendo soluzioni estetiche nuove e vivaci per realizzare un pavimento adatto non solo ad ambienti tecnici come la cucina ma anche ai locali più rappresentativi della casa. E ancora, i prodotti in pietra ricostituita riciclano anche materiali pre e post-consumo, vengono realizzati con processi ecosostenibili e sono l’alternativa eco alle pietre le cui riserve naturali in alcuni casi rischiano di esaurirsi.

di Paola Pianzola

© Riproduzione riservata.

Abbonati online

fino al 50% di sconto

100 Idee per Ristrutturrare Digital Edition 100 Idee per Ristrutturrare Apple App Sore 100 Idee per Ristrutturrare Google Play Store

Digital Edition

Disponibile su browser, tablet e mobile app iOS e Android.

Prova Gratis

save papersave paper

Edizione Cartacea
+ Digital Edition

Scegli la comodità del cartaceo con in più la versione digitale.

Abbonati Ora

1 anno a soli 21,50 €

Partner

I più letti

Il tetto a prova di emergenza climatica

Sempre più spesso la cronaca ci restituisce scenari dr...

cassonetti rifiuti | distanza dalle abitazioni

La distanza dei cassonetti dei rifiuti dall’abitazione

Abito in un appartamento al piano terra, il cui ingress...

Il cotone organico

Che cos’è il cotone organico

Che cos’è il cotone organico Il cotone biologico è un...

Due case in una

Grandi vetrate e avancorpi a sbalzo sono le principali...

Prendersi cura dei pavimenti in legno

Trattano il legno con le stesse sostanze che contiene...

Casa Naturale su Instagram