Il ruolo di una pianta

di Francesca Romanini e Giorgia Bollati

Regalare o adottare un albero. Che sia locale e da frutto, con cassetta ricolma abbinata, o lontano, ma comunque prezioso per l’ecosistema. Quando è sostenibile e di supporto per il territorio?

«Ugo Tognazzi, da grande appassionato di cucina, iniziò a coltivare in autonomia le sue melanzane – racconta Silvestro Acampora, AgriCultore e socio fondatore della Società Italiana Arboricoltura –, consapevole che quella piccola produzione da terrazzo gli costava ben 200 mila lire, che all’epoca poco non erano». Tognazzi poteva permettersi la spesa e, nel frattempo, comprese quale fosse il reale impegno richiesto dalla coltivazione.

«Voler partecipare o assistere al processo produttivo di una pianta può essere considerato un gesto da radical chic – prosegue l’esperto – ma, quando contribuisce ad accrescere la consapevolezza del consumatore, i risultati possono essere positivi»…

Articolo pubblicato su Casa Naturale di settembre-ottobre 2021

Continua a leggere sulla rivista digitale

Per approfondire

www.biorfarm.com

www.zeroco2.eco

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

cassonetti rifiuti | distanza dalle abitazioni

La distanza dei cassonetti dei rifiuti dall’abitazione

Abito in un appartamento al piano terra, il cui ingress...

Il cotone organico

Che cos’è il cotone organico

Che cos’è il cotone organico Il cotone biologico è un...

Il sughero, isolamento coerente con la bioedilizia

Isolare gli edifici in legno con il sughero Corkpan: u...

Condividere lo sguardo

Tra montagna e bosco, immerse nel verde sconfinato del...

Un sistema efficiente per un’accoglienza tutta green

Le soluzioni di produzione energetica proposte da Para...

Casa Naturale su Instagram