Welfare urbano

di Giorgia Bollati

Il quartiere Skärvet nella città di Växjö, in Svezia, progettato dallo studio di architettura Kjellander Sjöberg

Città di piccole dimensioni, quartieri connessi con spazi in condivisione, comunità a misura d’uomo. A partire da edifici capaci di reagire al clima come fa una pianta

Da un lato l’invito a ripopolare i borghi dimenticati, riqualificando strutture vecchie e in rovina per dare nuovo valore al costruito e ai territori periferici. Dall’altro, la tendenza crescente a costruire sempre maggiori “distretti” o quartieri green, con servizi sharing per la mobilità e lo sport, con orti di comunità e spazi verdi condivisi, che animano aree lontane dal centro, ma incluse all’interno del tessuto urbano.

Mario Cucinella, fondatore dello studio MCA Mario Cucinella Architect

Entrambe le spinte appaiono ugualmente forti, l’una per maggiore contatto con la natura, l’altra per una interconnessione virtuosa e di qualità. In ogni caso, la ricerca che contraddistingue il futuro è quella di uno stile di vita più lento. E, soprattutto, basato sulla costruzione che integra legno e piante…

Articolo pubblicato su Casa Naturale di luglio-agosto 2021

Continua a leggere sulla rivista digitale

Per approfondire

www.mcarchitects.it

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Piccole case, grandi progetti

Abitazioni compatte, sostenibili e in completa simbios...

La biocasa perfetta

A Caraglio, ai piedi delle montagne cuneesi, Sarotto G...

cassonetti rifiuti | distanza dalle abitazioni

La distanza dei cassonetti dei rifiuti dall’abitazione

Abito in un appartamento al piano terra, il cui ingress...

Il cotone organico

Che cos’è il cotone organico

Che cos’è il cotone organico Il cotone biologico è un...

Terrazzo tra due epoche

Non demolire e ricostruire. Ma recuperare, riqualifica...

Casa Naturale su Instagram