Si ispira alla capanna la nuova edicola firmata Rubner Haus

di Giovanni Morelli

Ne abbiamo riscoperto il valore durante il lockdown, quando insieme a farmacie e supermercati sono stati uno dei pochi punti di contatto con l’esterno. Le edicole hanno un ruolo importante nella socialità di quartiere e nel paesaggio delle nostre città. Da queste considerazioni nasce l’idea di Rubner Haus, affidata allo studio ABC – Architetti Barban Cappellari di Vicenza, di reinterpretare il chiosco dei giornali per rispondere alle nuove esigenze dell’edicolante: uno spazio in grado di assicurare qualità della vita, rispetto dell’ambiente e di inserirsi come punto di riferimento, anche estetico, nel crocevia di socialità dell’intera comunità urbana.

L’omaggio di Rubner Haus alla città di Milano, simbolo dell’architettura urbana d’eccellenza, è stato consegnato il 1 ottobre da Deborah Zani, amministratrice delegata di Rubner Haus, a Cristina Tajani, Assessora alle Politiche del Lavoro, Attività Produttive, Commercio e Risorse Umane del Comune di Milano e incarna i valori che la società porta avanti da oltre 55 anni: sostenibilità, socialità e qualità costruttiva coerente con la ricerca estetica.

Seguendo il richiamo della Presidente della Commissione europea Ursula Von Der Leyen, che ha indicato il legno come materiale del futuro per la capacità di generare meno materiale grigio in fase di lavorazione e per la minore necessità di energia che genera nella gestione climatica degli edifici, Rubner Haus mette il legno al centro di questo progetto. Come ci illustra Lorenzo Stefanin, product manager dell’azienda, per l’esterno è stato scelto l’abete levigato, trattato con una vernice all’acqua che stabilizza il processo di invecchiamento durante il quale, attraverso l’ossidazione, tende ad ingrigirsi e ha un effetto cera che fa scivolare l’acqua. La vernice utilizzata è la tinta Torino dell’azienda Amonn. All’interno, il colore e il profumo del legno coccolano l’edicolante con il suo richiamo alla natura, mentre la climatizzazione è garantita da una pompa di calore, senza unità esterna, fornita da Olympia Splendid. Da un punto di vista energetico, questo primo modello non è autosufficiente ma il progetto prevede la possibilità di installare pannelli fotovoltaici.

Per approfondimenti: Rubner Haus

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

cassonetti rifiuti | distanza dalle abitazioni

La distanza dei cassonetti dei rifiuti dall’abitazione

Abito in un appartamento al piano terra, il cui ingress...

Il cotone organico

Che cos’è il cotone organico

Che cos’è il cotone organico Il cotone biologico è un...

Il sughero, isolamento coerente con la bioedilizia

Isolare gli edifici in legno con il sughero Corkpan: u...

Condividere lo sguardo

Tra montagna e bosco, immerse nel verde sconfinato del...

Un sistema efficiente per un’accoglienza tutta green

Le soluzioni di produzione energetica proposte da Para...

Casa Naturale su Instagram