Eco-campus a misura di oggi

di Leonardo Selvetti

Riqualificare il patrimonio costruito, avviando la transizione verso una sostenibilità a 360° e la condivisione degli spazi nel rispetto delle normative di “distanziamento sociale”

Un obiettivo possibile, come dimostra il progetto di sviluppo di un quartiere green a Bruxelles firmato dallo studio Vincent Callebaut Architectures. Si tratta della trasformazione della Gare Maritime – un tempo terminal marittimo – in un eco-campus a uso misto. Le cinque “navi” in ghisa, ferro e vetro del complesso conservano all’esterno l’architettura originaria, ospitando all’interno le nuove strutture. Queste – distaccate dalle pareti degli edifici per garantire la reversibilità del progetto – si basano su principi di costruzione modulari e sono in legno massello…

Articolo pubblicato su Casa Naturale luglio-agosto 2020

Continua a leggere sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

cassonetti rifiuti | distanza dalle abitazioni

La distanza dei cassonetti dei rifiuti dall’abitazione

Abito in un appartamento al piano terra, il cui ingress...

Il cotone organico

Che cos’è il cotone organico

Che cos’è il cotone organico Il cotone biologico è un...

Il sughero, isolamento coerente con la bioedilizia

Isolare gli edifici in legno con il sughero Corkpan: u...

Condividere lo sguardo

Tra montagna e bosco, immerse nel verde sconfinato del...

Un sistema efficiente per un’accoglienza tutta green

Le soluzioni di produzione energetica proposte da Para...

Casa Naturale su Instagram