Come raccogliere i rifiuti in acqua? Con Seabin, un bidone dell’immondizia galleggiante

di Sara Perro

Come raccogliere i rifiuti in acqua? Con Seabin, un bidone dell’immondizia galleggiante in grado di raccogliere autonomamente gli scarti. Il progetto è stato sviluppato da Andrew Turton e Pete Ceglinsky, due australiani appassionati di surf che hanno voluto mettere un freno al problema dei rifiuti in mare.

Un dramma ambientale dalle dimensioni titaniche: le stime rivelano che le micro particelle di plastica disperse nell’ambiente marino sono salite in pochi anni da 15 a 51 miliardi, mentre quelle in fibre sintetiche superano addirittura i mille miliardi. A questi numeri, vanno aggiunti quelli degli scarti dei carburanti e degli oli delle navi.  “Immondizia” che solo in parte si disperde al largo, ma che perlopiù si concentra sottocosta, in particolare nei porti e nelle marine.

La soluzione al macro problema non potrà che essere strutturale. Nel frattempo, però, anche azioni dirette e a livello locale per ripulire il proprio “fazzoletto d’oceano” possono contruibuire a migliorare le cose. È questo il ragionamento alla base di Seabin. Il bidone si può agganciare a un molo ed è dotato di una pompa, alimentata elettricamente, che “risucchia” l’acqua al suo interno e la rilascia dopo averla filtrata. È in grado di trattenere rifiuti solidi e liquidi, come gli oli provenienti dai motori dalle barche. Una volta pieno, i filtri si svuotano e può ricominciare il proprio lavoro. 

Ogni Seabin è in grado di raccogliere circa 1,5 chili di rifiuti al giorno, compresi frammenti di microplastiche grandi appena 2 millimetri. Si parla dell’equivalente di 90mila sacchetti di plastica l’anno. Il progetto, nato in Australia come crowdfunding, si è rapidamente sviluppato. Oggi i due ideatori hanno fondato un’azienda, che commercializza il prodotto in tutto il Globo e collabora con alcune fra le più prestigiose marine turistiche del mondo. 

Il sistema, infatti, è pensato, più che per i privati, per quelle realtà che hanno l’interesse e i mezzi per mantenere le acque pulite. Il prezzo di acquisto della tecnologia non è a portata di tutte le tasche: un singolo “bidoncino” costa circa 3.300 euro. Ma, se correttamente implementato, abbatte la spesa necessaria per la periodica pulizia delle acque (ad esempio, in una marina) al costo di circa 1 dollaro al giorno.

Diversi porti in tutto il mondo l’hanno adottato: Porto Adriano a Palma de Mallorca, Wartsila a Helsinki, Porto Montenegro, La Grand Motte di Montpellier, Butterfield nelle Bermuda e Safe Harbour in California. E per quanto riguarda i pesci?  Cosa succede se vengono risucchiati dalla pompa? In realtà, a detta dei produttori, il problema non esiste perché «in diversi anni di test non è mai accaduto di catturare esseri viventi».

di Lorenzo Bernardi

© Riproduzione riservata.

Abbonati online

fino al 50% di sconto

100 Idee per Ristrutturrare Digital Edition 100 Idee per Ristrutturrare Apple App Sore 100 Idee per Ristrutturrare Google Play Store

Digital Edition

Disponibile su browser, tablet e mobile app iOS e Android.

Offerta Prova

3 numeri a soli 2,99 €

save papersave paper

Edizione Cartacea
+ Digital Edition

Scegli la comodità del cartaceo con in più la versione digitale.

Abbonati Ora

1 anno a soli 21,50 €

Partner

I più letti

Piccole case, grandi progetti

Abitazioni compatte, sostenibili e in completa simbios...

Cappuccetto di legno

Originale, robusta e naturale. Dalle rigide normative...

Il cotone organico

Che cos’è il cotone organico

Che cos’è il cotone organico Il cotone biologico è un...

cassonetti rifiuti | distanza dalle abitazioni

La distanza dei cassonetti dei rifiuti dall’abitazione

Abito in un appartamento al piano terra, il cui ingress...

Premiare le forme architettoniche

Nel Parco del Circeo, sorge villa Sabaudia, una casa e...

Casa Naturale su Instagram