Affittare in sinergia

di Alessandro Bianco

Riqualificazione e condivisione. Il Circular Housing Project punta sulla sostenibilità, organizzando una filiera circolare in grado di far rinascere i beni arrivati al termine del loro ciclo vita

Dare una seconda vita agli elettrodomestici e ai componenti d’arredo, sviluppando una filiera circolare e sostenibile. Circular Housing Project – progetto pilota coordinato da Redo Sgr – nasce proprio con questi obiettivi. Cercando di ridurre al minimo gli sprechi e introducendo una nuova concezione del fine vita dei rifiuti, l’iniziativa si propone di recuperare, ricondizionare e reinserire all’interno della filiera gli elettrodomestici e i mobili, inclusi nel contratto di locazione degli appartamenti, al termine del periodo di permanenza.

In questo modo, i residenti non dovranno preoccuparsi di smaltire o vendere i beni di cui hanno beneficiato, ma questi verranno gestiti in maniera organica e sostenibile

Articolo pubblicato su Casa Naturale settembre-ottobre 2020

Continua a leggere sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Piccole case, grandi progetti

Abitazioni compatte, sostenibili e in completa simbios...

La biocasa perfetta

A Caraglio, ai piedi delle montagne cuneesi, Sarotto G...

cassonetti rifiuti | distanza dalle abitazioni

La distanza dei cassonetti dei rifiuti dall’abitazione

Abito in un appartamento al piano terra, il cui ingress...

Il cotone organico

Che cos’è il cotone organico

Che cos’è il cotone organico Il cotone biologico è un...

Terrazzo tra due epoche

Non demolire e ricostruire. Ma recuperare, riqualifica...

Casa Naturale su Instagram