Osservare l’albero da dentro

di Giorgia Bollati e Maria Chiara Voci

Una casa tra i rami può essere il punto di partenza per un nuovo abitare e per ritrovare il contatto con la natura che nella nostra società rischiamo di perdere

Arrampicarsi su un albero per osservare il mondo da una nuova prospettiva. E per mettersi al sicuro da un eventuale pericolo. È un gesto ancestrale, che richiama i nostri istinti più primitivi e che oggi si è trasformato in un sogno fiabesco. Ma non solo. Salire su un albero è una presa di posizione. Non come quella di Cosimo di Rondò – il protagonista del Barone rampante di Italo Calvino – che visse tra i rami per vivere separato dalle persone; significa, piuttosto, mettersi in simbiosi con un altro essere, da cui lasciarsi ispirare in quanto a bioritmo, lentezza e silenzio.

Una casa sull’albero – che casa a tutti gli effetti non è – rappresenta un rifugio in cui trovare se stessi e in cui misurarsi con la grandezza e la resilienza di una creatura adattabile che, prima di tutto, va rispettata in quanto ospite. Chi immagina di poggiare una casa sui rami…

Articolo pubblicato su Casa Naturale novembre-dicembre 2020

Continua a leggere sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Piccole case, grandi progetti

Abitazioni compatte, sostenibili e in completa simbios...

La biocasa perfetta

A Caraglio, ai piedi delle montagne cuneesi, Sarotto G...

cassonetti rifiuti | distanza dalle abitazioni

La distanza dei cassonetti dei rifiuti dall’abitazione

Abito in un appartamento al piano terra, il cui ingress...

Il cotone organico

Che cos’è il cotone organico

Che cos’è il cotone organico Il cotone biologico è un...

Terrazzo tra due epoche

Non demolire e ricostruire. Ma recuperare, riqualifica...

Casa Naturale su Instagram