Abbonati o regala casa naturale solo online fino al 50% di sconto

venerdì, 21 Febbraio 2020

Euritmie funzionali

di Leonardo Selvetti

In Lombardia, LignoAlp ha realizzato un’abitazione privata dalle linee essenziali, utilizzando una tecnologia leggera di telaio per renderla altamente performante.

Un serrato dialogo tra l’astrattezza delle forme architettoniche e la resa organica dei materiali, tra il design minimale e il calore del legno. Da qui nasce Villa Zoe, una residenza privata situata ad Almenno S. Bartolometo, in Valle Imagna, a pochi chilometri da Bergamo. Disegnata dall’architetto Natalìa Rota, la struttura si contraddistingue per le linee pulite ed essenziali e risponde ai requisiti della funzionalità, della sostenibilità e dell’integrazione paesaggistica.

Questo è stato possibile grazie all’utilizzo della tecnologia leggera di telaio realizzata da LignoAlp. Le pareti perimetrali, coibentate con fibra di legno e dotate di guaina anti-vento, presentano esternamente una facciata ventilata con rivestimento in lamiera di alluminio a doppia aggraffatura PREFA. La copertura risponde a un analogo principio costruttivo: si tratta, infatti, di un elemento prefabbricato in legno, coibentato e rivestito in lamiera. Un’ “armatura” che permette di avere aggetti e grandi aperture, dove il larice è visibile nelle nicchie rientrate…

Continua a leggere l’articolo sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.