Curare i ponti termici

di Gianni Terenzi

Close-up Of Person Detecting Heat Loss Outside House Using Infrared Thermal Camera

Uno degli errori più frequenti sia in fase di progettazione che di ristrutturazione di un edificio è quello di trascurare l’esistenza dei ponti termici, che a lungo andare possono rivelarsi un problema molto serio

Un ponte termico può compromettere l’igiene dell’abitazione, il suo comfort e, di conseguenza, aumentare il consumo energetico. Da dove deriva questa problematica? Come si può evitare?

Pubblicità

I ponti termici sono delle discontinuità termiche che generano un incremento delle dispersioni nei nodi critici dell’edificio (geometrici o di materiale) e avvengono spesso quando si vanno a posizionare i cappotti senza alla base una progettazione preliminare sufficiente per isolare adeguatamente quegli elementi.

L’elemento non isolato in maniera corretta crea una dispersione di calore, abbassando così la temperatura di quell’elemento all’interno fin sotto il punto di rugiada (che è la temperatura nella quale l’aria diventa satura di vapore acqueo) e andando a provocare poi la formazione di muffe e condense e quindi un ponte termico…

Articolo pubblicato su Casa Naturale novembre-dicembre 2020

Continua a leggere sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Piccole case, grandi progetti

Abitazioni compatte, sostenibili e in completa simbios...

cassonetti rifiuti | distanza dalle abitazioni

La distanza dei cassonetti dei rifiuti dall’abitazione

Abito in un appartamento al piano terra, il cui ingress...

Il cotone organico

Che cos’è il cotone organico

Che cos’è il cotone organico Il cotone biologico è un...

Osservare l’albero da dentro

Una casa tra i rami può essere il punto di partenza pe...

Ridefinire il benessere

Un progetto che unisce la cultura francese con quella...

Casa Naturale su Instagram