Fiori a Km 0

di Sara Perro

Della provenienza dei fiori ci preoccupiamo poco, ma anche questo bene può essere a Km 0

I fiori non si mangiano. Sarà per questo che ci s’interessa così poco circa la loro provenienza, quanta strada abbiano fatto per arrivare nelle nostre case o dove siano stati coltivati. Se non la spinta etica o salutistica, almeno il costo (spesso proibitivo) dovrebbe far sorgere, però, qualche domanda. A porsi l’interrogativo è stata Giulia Giontella, romana, avvocato ed ex giornalista, dal 2013 pioniera dei fiori a km zero con il suo Flority Fair. Negozio online che vende abbonamenti low cost, ma anche laboratorio, che allestisce decorazioni per matrimoni ed eventi, atelier di gioielli vegetali e scuola di composizione floreale. Il progetto di Giulia nasce da una grande passione e da una serie di giusti interrogativi. «Ho sempre amato avere intorno fiori freschi, in casa, in ufficio, anche in una stanza d’albergo – racconta –. Sono il lusso per eccellenza: un piacere estetico che dura lo spazio di pochi giorni, poi si butta. Non trovo corretto, però, che sia un piacere proibitivo».

In Italia al prezzo dei fiori si fa in realtà poco caso: si comprano solo per grandi occasioni, magari ci si meraviglia dei soldi lasciati al fioraio e finisce lì. Dietro ai 30, 40 o 50 euro di un mazzo di rose o tulipani c’è, tuttavia, una lunga catena di attori, che ad ogni anello diventa un po’ meno sostenibile da un punto di vista economico, sociale e ambientale. «A questo proposito – spiega Giulia – un giro alla Floriculture Trade Fair di Amsterdam, la più importante fiera mondiale di floricoltura, può essere molto istruttivo. Con oltre 4mila stand, è lo snodo principale del commercio globale del settore». Una sorta di colorata e profumata Wall Street, dove la professione più diffusa, manco a dirlo, è il broker. «I broker sono l’anello di collegamento fra chi coltiva e chi commercia, ma la filiera è molto più lunga. Alla base ci sono i “breeders”, le multinazionali che producono e vendono le sementi. Poi i “growers”, per lo più inglesi e olandesi, che comprano i semi e delocalizzano le coltivazioni in Africa o in Sud America». Qui trovano condizioni economiche più vantaggiose: meno diritti per i lavoratori e poche, o nessuna normativa per lo smaltimento delle acque reflue (il che significa che i pesticidi dei fiori vanno a inquinare le falde acquifere e avvelenano agricoltura e allevamenti). «C’è poi il comparto import/export, dove giocano i broker, facendo da tramite fra le società di logistica e trasporto, gli esportatori e gli importatori. Solo al termine della catena si arriva ai grossisti, che vendono ai fioristi, da cui si servirà il consumatore». E non è finita: «A tutti questi attori si sono aggiunte di recente le società che rilasciano certificazioni di sostenibilità. L’esigenza di mostrarsi eco-compatibili, di per sé positiva, ha dato origine a un nuovo mercato, che allunga ulteriormente la distanza fra produttori e consumatori». I fiori, insomma, costano tanto perché arrivano da lontano, in termini geografici e di sistema.

«Per abbattere le cifre il mio primo obiettivo era dunque evitare la catena di import/export che droga il mercato florovivaistico», spiega l’avvocato. Sostenibilità economica che si sposa a sostenibilità etica e ambientale e porta alla soluzione del km zero. Più facile a dirsi che a farsi. «In Italia negli ultimi vent’anni – aggiunge – il 90% dei floricoltori ha chiuso o ha convertito le proprie coltivazioni in pomodori. E i pochi rimasti spediscono i fiori in Olanda!». Giulia ha dovuto così costruire la sua rete di fornitori andando a cercare uno per uno i piccoli coltivatori nelle campagne di Lazio, Toscana e Campania. Ognuno specializzato solo in due o tre tipologie di fiori: viole, ranuncoli, gigli, ortensie, crisantemi… Oggi riesce a offrire ai suoi clienti una vasta scelta a prezzi popolari (gli abbonamenti costano 10 euro a settimana, consegna compresa), risparmiando anche su confezione e packaging. Il mazzo settimanale viene infatti consegnato “grezzo”, in buste di carta come quelle del pane, ma il bello è anche imparare a pulire i fiori e ad allestirli. «I fiori, ovviamente, sono solo di stagione. Non ho rose per San Valentino, ad esempio, perché febbraio non è il loro momento. E del resto, facciamocene una ragione, che le rose siano il simbolo della passione lo ha deciso il marketing».

di Giorgia Marino

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Casa Naturale su Instagram

@casanaturale.magazine
Casa Naturale

@casanaturale.magazine

La prima rivista per costruire, arredare e vivere ecologico.
L'espansione della ceramica. Tra pavimento, pareti, isole cucine e arredi, la ceramica si espande su diverse superfici della casa, creando distese cromatiche o geometrie materiche di grande effetto e funzionalità. Igienico, resistente, affascinante. Il rivestimento ceramico ha numerosi vantaggi funzionali e permette di ottenere un effetto estetico adatto sia agli stili più rustici sia a quelli classici o contemporanei. «I rivestimenti ceramici sono molto resistenti [...]
Leggi l'articolo sul numero di settembre – ottobre 2022 in edicola o sul nostro sito (Link in bio)

Foto: Decora di @ragno_ceramiche 

#ceramiche #bioedilizia #progettarecasa #interiordesign #post
L'espansione della ceramica. Tra pavimento, pareti, isole cucine e arredi, la ceramica si espande su diverse superfici della casa, creando distese cromatiche o geometrie materiche di grande effetto e funzionalità. Igienico, resistente, affascinante. Il rivestimento ceramico ha numerosi vantaggi funzionali e permette di ottenere un effetto estetico adatto sia agli stili più rustici sia a quelli classici o contemporanei. «I rivestimenti ceramici sono molto resistenti [...] Leggi l'articolo sul numero di settembre – ottobre 2022 in edicola o sul nostro sito (Link in bio) Foto: Decora di @ragno_ceramiche #ceramiche #bioedilizia #progettarecasa #interiordesign #post
2 giorni fa
View on Instagram |
1/9
Giochi di legno e di luce. Due cucine, tre camere, piscina, spa e palestra. Una lussuosa villa non lontana da Lucca valorizza i materiali del territorio, il legno caldo del rovere e la pietra di Guamo, con uno studio illuminotecnico dall’effetto morbido e accogliente. Tra le colline toscane, a pochi chilometri dalla città di Lucca, si trova il comune altomedievale di Capannori, che fino al basso medioevo ha fatto parte della Repubblica di Lucca e delle sue ricche vie commerciali. L’architettura del centro urbano mantiene forte il ricordo di quei secoli [...]
Leggi l'articolo sul numero di settembre – ottobre 2022 in edicola o sul nostro sito (Link in bio)

Foto: parquet di @menconi_parquet 

#legno #progettarecasa #interiordesign #architettura #post
Giochi di legno e di luce. Due cucine, tre camere, piscina, spa e palestra. Una lussuosa villa non lontana da Lucca valorizza i materiali del territorio, il legno caldo del rovere e la pietra di Guamo, con uno studio illuminotecnico dall’effetto morbido e accogliente. Tra le colline toscane, a pochi chilometri dalla città di Lucca, si trova il comune altomedievale di Capannori, che fino al basso medioevo ha fatto parte della Repubblica di Lucca e delle sue ricche vie commerciali. L’architettura del centro urbano mantiene forte il ricordo di quei secoli [...] Leggi l'articolo sul numero di settembre – ottobre 2022 in edicola o sul nostro sito (Link in bio) Foto: parquet di @menconi_parquet #legno #progettarecasa #interiordesign #architettura #post
4 giorni fa
View on Instagram |
2/9
Eolico: l'energia del vento. A coprire buona parte del fabbisogno di energia elettrica, potrebbe esserci l’eolico. Il settore, tuttavia, appare frenato dalla burocrazia e dalle normative. Solo per autorizzare i nuovi impianti occorrono in media cinque anni. Soluzioni domestiche sono installabili in giardino, sul tetto o sul balcone di casa: le mini pale eoliche sono sistemi di dimensione ridotta capaci di produrre fino a 200 chilowatt di energia [...]
Leggi l'articolo sul numero di settembre-ottobre 2022 in edicola o sul nostro sito (Link in bio)

#ideegreen #energiaeolica #energierinnovabili #eolico #post
Eolico: l'energia del vento. A coprire buona parte del fabbisogno di energia elettrica, potrebbe esserci l’eolico. Il settore, tuttavia, appare frenato dalla burocrazia e dalle normative. Solo per autorizzare i nuovi impianti occorrono in media cinque anni. Soluzioni domestiche sono installabili in giardino, sul tetto o sul balcone di casa: le mini pale eoliche sono sistemi di dimensione ridotta capaci di produrre fino a 200 chilowatt di energia [...] Leggi l'articolo sul numero di settembre-ottobre 2022 in edicola o sul nostro sito (Link in bio) #ideegreen #energiaeolica #energierinnovabili #eolico #post
1 settimana fa
View on Instagram |
3/9
Per scegliere le piastrelle in ceramica bisogna tenere presente aspetti importanti, come il colore, la dimensione, il luogo dove verranno installati…  È importante quindi capire le loro caratteristiche funzionali oltre che quelle estetiche e, soprattutto, il tipo di utilizzo che se ne intende fare!

In commercio ci sono prodotti di ogni tipo, capaci di adattarsi a ogni contesto e funzione: le piastrelle in gres porcellanato effetto pietra di @atlasconcorde, per esempio, insegnano come prodotti di questo tipo debbano soddisfare due requisiti essenziali ossia resistenza e caratteristiche antiscivolo. 

Scopri di più sul nostro sito (Link in bio)

#atlas #atlasconcorde #piastrelleingres #gres #topbrand
Per scegliere le piastrelle in ceramica bisogna tenere presente aspetti importanti, come il colore, la dimensione, il luogo dove verranno installati… È importante quindi capire le loro caratteristiche funzionali oltre che quelle estetiche e, soprattutto, il tipo di utilizzo che se ne intende fare! In commercio ci sono prodotti di ogni tipo, capaci di adattarsi a ogni contesto e funzione: le piastrelle in gres porcellanato effetto pietra di @atlasconcorde, per esempio, insegnano come prodotti di questo tipo debbano soddisfare due requisiti essenziali ossia resistenza e caratteristiche antiscivolo. Scopri di più sul nostro sito (Link in bio) #atlas #atlasconcorde #piastrelleingres #gres #topbrand
1 settimana fa
View on Instagram |
4/9
Archetipo naturale. Il comfort abitativo in accordo con l’ambiente. Una villa in bioedilizia riconcilia la natura e l’abitare, utilizzando il legno come verbo principale. Una casa in mezzo al verde, al di fuori dal clamore cittadino. Costruita quasi interamente in legno, l’abitazione progettata in bioedilizia si adagia sopra un esteso manto d’erba del comune di Malnate [...]
Leggi l'articolo sul numero di settembre-ottobre 2022 in edicola o sul nostro sito (Link in bio)

Con @ablegno_edifici_in_legno 

#bioedilizia #edilizia #thinkgreen #caseinlegno #post
Archetipo naturale. Il comfort abitativo in accordo con l’ambiente. Una villa in bioedilizia riconcilia la natura e l’abitare, utilizzando il legno come verbo principale. Una casa in mezzo al verde, al di fuori dal clamore cittadino. Costruita quasi interamente in legno, l’abitazione progettata in bioedilizia si adagia sopra un esteso manto d’erba del comune di Malnate [...] Leggi l'articolo sul numero di settembre-ottobre 2022 in edicola o sul nostro sito (Link in bio) Con @ablegno_edifici_in_legno #bioedilizia #edilizia #thinkgreen #caseinlegno #post
1 settimana fa
View on Instagram |
5/9
L’uomo al centro. Italiana di nascita, catalana di adozione, Benedetta Tagliabue è una delle firme più note dell’architettura contemporanea. Attenzione all’uomo e dialogo fra i materiali sono la sua cifra stilistica. Con un uso peculiare del legno, per strutture e arredi. «In passato, usare il legno per le strutture (e non solo per l’interior design) era una sfida per pochi [...]
Leggi l'articolo sul numero di settembre-ottobre 2022 in edicola o sul nostro sito (Link in bio)

Con @embtarchitects 

#architettura #architetturacontemporanea #architecture #bioarchitettura #post
L’uomo al centro. Italiana di nascita, catalana di adozione, Benedetta Tagliabue è una delle firme più note dell’architettura contemporanea. Attenzione all’uomo e dialogo fra i materiali sono la sua cifra stilistica. Con un uso peculiare del legno, per strutture e arredi. «In passato, usare il legno per le strutture (e non solo per l’interior design) era una sfida per pochi [...] Leggi l'articolo sul numero di settembre-ottobre 2022 in edicola o sul nostro sito (Link in bio) Con @embtarchitects #architettura #architetturacontemporanea #architecture #bioarchitettura #post
2 settimane fa
View on Instagram |
6/9
Fotovoltaico, il potere del sole e del vento. Rinnovabile, pulita, inesauribile: l'energia fotovoltaica sfrutta l'energia del sole e la trasforma in energia elettrica. La conversione avviene nella cella fotovoltaica, costituita generalmente da silicio, semiconduttore fondamentale del generatore di energia. Perciò, è possibile produrre energia rinnovabile anche presso la propria abitazione, avvalendosi dell'installazione di pannelli o di un tetto fotovoltaico costituito da tegole solari [...]
Leggi l'articolo sul numero di settembre-ottobre 2022 in edicola o sul nostro sito (Link in bio)

#ideegreen #energiafotovoltaica #energierinnovabili #fotovoltaico #post
Fotovoltaico, il potere del sole e del vento. Rinnovabile, pulita, inesauribile: l'energia fotovoltaica sfrutta l'energia del sole e la trasforma in energia elettrica. La conversione avviene nella cella fotovoltaica, costituita generalmente da silicio, semiconduttore fondamentale del generatore di energia. Perciò, è possibile produrre energia rinnovabile anche presso la propria abitazione, avvalendosi dell'installazione di pannelli o di un tetto fotovoltaico costituito da tegole solari [...] Leggi l'articolo sul numero di settembre-ottobre 2022 in edicola o sul nostro sito (Link in bio) #ideegreen #energiafotovoltaica #energierinnovabili #fotovoltaico #post
2 settimane fa
View on Instagram |
7/9
Semplicità in larice. Una casa di campagna dalle forme lineari e pulite, dettate dal carattere ancora bucolico dell’area in cui sorge. Il nuovo edificio residenziale a firma dello studio ds_A architettura, dal carattere spiccatamente moderno, si inserisce nel paesaggio agricolo tra le colline poco distanti dal centro storico di Bassano del Grappa [...]
Leggi l'articolo sul numero di settembre-ottobre 2022 in edicola o sul nostro sito (Link in bio)

Con @_ds_a_architettura 

#architettura #bioarchitettura #thinkgreen #ristrutturazionecasa #post
Semplicità in larice. Una casa di campagna dalle forme lineari e pulite, dettate dal carattere ancora bucolico dell’area in cui sorge. Il nuovo edificio residenziale a firma dello studio ds_A architettura, dal carattere spiccatamente moderno, si inserisce nel paesaggio agricolo tra le colline poco distanti dal centro storico di Bassano del Grappa [...] Leggi l'articolo sul numero di settembre-ottobre 2022 in edicola o sul nostro sito (Link in bio) Con @_ds_a_architettura #architettura #bioarchitettura #thinkgreen #ristrutturazionecasa #post
3 settimane fa
View on Instagram |
8/9
Il designer Francesco Favaretto, alla guida dello studio Favaretto & Partners che ha al proprio attivo celebri oggetti per la casa e l’ufficio, ha recentemente ristrutturato la sua abitazione a Padova, progettata con l'intento di considerare lo spazio esterno come un luogo conviviale caratterizzato da una stretta relazione con l’indoor. 

Per l'ampia, luminosa e colorata terrazza di 90 mq, studiata per essere accogliente e in armonia con gli interni, Favaretto ha scelto il decking Ultrashield® by @decodecking nella calda ed elegante finitura teak, un rivestimento di elevata qualità, studiato per l'outdoor, in grado di realizzare progetti contemporanei, curati nei dettagli, personalizzabili e sostenibili.
Scopri di più sul nostro sito (Link in bio)

#interiordesign #outdoor #ristrutturarecasa #deco #topbrand
Il designer Francesco Favaretto, alla guida dello studio Favaretto & Partners che ha al proprio attivo celebri oggetti per la casa e l’ufficio, ha recentemente ristrutturato la sua abitazione a Padova, progettata con l'intento di considerare lo spazio esterno come un luogo conviviale caratterizzato da una stretta relazione con l’indoor. Per l'ampia, luminosa e colorata terrazza di 90 mq, studiata per essere accogliente e in armonia con gli interni, Favaretto ha scelto il decking Ultrashield® by @decodecking nella calda ed elegante finitura teak, un rivestimento di elevata qualità, studiato per l'outdoor, in grado di realizzare progetti contemporanei, curati nei dettagli, personalizzabili e sostenibili. Scopri di più sul nostro sito (Link in bio) #interiordesign #outdoor #ristrutturarecasa #deco #topbrand
3 settimane fa
View on Instagram |
9/9