La condivisione si tinge di rosa: cohousing al femminile

di Clarissa Marchese

Ampliacasa | cohousing al femminile | rosa | condivisione |

Si sono ispirati ai modelli tradizionali di cohousing per crearne uno ad hoc per le donne in difficoltà. Nasce così Ampliacasa da un’idea dei volontari di Acisjf. Per aiutare le persone fragili attraverso la condivisione e le relazioni.

Un progetto che porta all’autonomia

Un cohousing per donne in difficoltà. E un progetto per accogliere e accompagnare verso l’autonomia le persone fragili, in modo innovativo.

È Ampliacasa, nato un anno e mezzo fa grazie al sostegno di Fondazione con il Sud e attivo in tre regioni: Sardegna, Sicilia e Calabria. «Sono luoghi dove il bisogno abitativo è molto sentito e le soluzioni sono insufficienti – spiega Nelly Sarlo, responsabile del progetto –. Ci siamo chiesti: il cohousing può essere la soluzione giusta? In quali casi? E a quali condizioni?

Per sostenere questo tipo di esperienze è necessario un lavoro di rete, che permetta alle varie associazioni e alle altre realtà coinvolte – comprese quelle istituzionali – di mettere in campo risorse e competenze, valorizzandole reciprocamente. Per questo abbiamo cominciato proprio da qui: dalla costruzione di reti e dalla formazione dei volontari».

L’associazione Acisjf

Ampliacasa è uno dei numerosi impegni di Acisjf (Associazione cattolica internazionale a servizio della giovane), un’associazione internazionale nata a Torino nel 1902 per aiutare le giovani in difficoltà. Oggi conta in Italia 15 case di accoglienza, 600 posti letto, 15.000 ragazze e giovani donne in gravi difficoltà aiutate ogni anno. Dunque, la decisione di sviluppare dei cohousing deriva da una consapevolezza: vivere spazi condivisi favorisce l’aiuto reciproco e la costruzione di relazioni. «Le donne si danno una mano, dividono compiti e spese. Questo permette di avere un’abitazione anche a chi non potrebbe pagare un affitto – prosegue Nelly Sarlo –. Perciò spesso ci chiediamo se possiamo definire queste convivenze proprio un cohousing. […] Segue

Per sfogliare l’articolo completo clicca qui, 90 secondi di consultazione gratuita. Registrandoti avrai invece accesso a un mese di lettura libera della rivista!

Se vuoi abbonarti, ecco il link.

di Sara Perro

Acisjf

Approfondimenti

Scopri un’altra realtà di condivisione, il Collegio Universitario.

 

© Riproduzione riservata.

Abbonati online

fino al 50% di sconto

100 Idee per Ristrutturrare Digital Edition 100 Idee per Ristrutturrare Apple App Sore 100 Idee per Ristrutturrare Google Play Store

Digital Edition

Disponibile su browser, tablet e mobile app iOS e Android.

Prova Gratis

save papersave paper

Edizione Cartacea
+ Digital Edition

Scegli la comodità del cartaceo con in più la versione digitale.

Abbonati Ora

1 anno a soli 21,50 €

Partner

I più letti

Energia domestica: utenze pubbliche addio

Sarotto Group presenta sul mercato un’innovativa soluz...

cassonetti rifiuti | distanza dalle abitazioni

La distanza dei cassonetti dei rifiuti dall’abitazione

Abito in un appartamento al piano terra, il cui ingress...

Il tetto a prova di emergenza climatica

Sempre più spesso la cronaca ci restituisce scenari dr...

Il cotone organico

Che cos’è il cotone organico

Che cos’è il cotone organico Il cotone biologico è un...

Il condominio condiviso

A Ora, piccolo comune in provincia di Bolzano, un edif...

Casa Naturale su Instagram