Dipanare gomitoli di storia antica

di Giorgia Bollati

Morandi Tappeti intesse tappeti con antiche tecniche di annodatura manuale

La qualità dei filati e dei colori conferisce a un tessuto la sua bellezza. Prima di acquistare occorre, però, verificare l’impatto ambientale dei capi e la salubrità delle sostanze con cui sono realizzati

Trame materiche, che solleticano il palmo della mano. Trame lisce e sottili, che scivolano delicatamente tra le dita. Molti e di diverso tipo sono i tessuti naturali dalla lunga tradizione – di origine animale o vegetale – che oggi tornano a essere ampiamente utilizzati, soprattutto alla luce della scoperta delle microplastiche derivate dai tessuti sintetici in poliestere che infestano le acque degli oceani. «Canapa, lino e cotone sono tessuti molto semplici da trattare – spiega Fulvio Luparia, fondatore del Laboratorio Luparia, specializzato nella tintura e nella pittura dei tessuti –.

La collezione di biancheria da camera, cucina, bagno e living Gardenia di La Fabbrica del Lino

Più si manipolano e più diventano belli, ed è più facile recuperarne e rigenerarne il filato, che acquisisce maggiore fascino. La canapa, poi, è unica in natura per elasticità e versatilità

Articolo pubblicato su Casa Naturale marzo-aprile 2021

Continua a leggere sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

cassonetti rifiuti | distanza dalle abitazioni

La distanza dei cassonetti dei rifiuti dall’abitazione

Abito in un appartamento al piano terra, il cui ingress...

Il cotone organico

Che cos’è il cotone organico

Che cos’è il cotone organico Il cotone biologico è un...

Il sughero, isolamento coerente con la bioedilizia

Isolare gli edifici in legno con il sughero Corkpan: u...

Condividere lo sguardo

Tra montagna e bosco, immerse nel verde sconfinato del...

Un sistema efficiente per un’accoglienza tutta green

Le soluzioni di produzione energetica proposte da Para...

Casa Naturale su Instagram