Il quinto elemento

di Francesca Romanini

Nel cuore dell’altopiano del Renon, un network di architetti, designer e professionisti specializzati nello studio di luce, acqua, terra e aria ha dato vita a un albergo in cui il rapporto con gli elementi fondamentali della natura raggiunge un equilibrio perfetto

Aristotele lo definiva “etere” e lo riteneva l’essenza immutabile ed eterna del cosmo. Oggi il quinto elemento, reinterpretato in un’ottica più moderna ed “ecologica”, potrebbe indicare la capacità dell’uomo di intervenire sull’ambiente in perfetta armonia con la natura, con un impatto pressoché nullo sul paesaggio. È questo il caso di “Gloriette”, albergo realizzato dallo studio di architettura Noa, un edificio in grado di esprimere al massimo la connessione fra uomo e natura anche nei più piccoli dettagli.

Pubblicità

Per questo i progettisti hanno eliminato qualsiasi elemento che fungesse da linea di demarcazione tra l’interno e l’esterno: le finestre sono state private del telaio, mentre le pareti divisorie dei balconi sono state sostituite da vetri neri a specchio…

Articolo pubblicato su Casa Naturale maggio-giugno 2020

Continua a leggere sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Piccole case, grandi progetti

Abitazioni compatte, sostenibili e in completa simbios...

cassonetti rifiuti | distanza dalle abitazioni

La distanza dei cassonetti dei rifiuti dall’abitazione

Abito in un appartamento al piano terra, il cui ingress...

Il cotone organico

Che cos’è il cotone organico

Che cos’è il cotone organico Il cotone biologico è un...

Osservare l’albero da dentro

Una casa tra i rami può essere il punto di partenza pe...

Ridefinire il benessere

Un progetto che unisce la cultura francese con quella...

Casa Naturale su Instagram