Dove si faceva il vetro

di Giorgia Bollati

Dal recupero di un edificio produttivo esistente, la vetreria è una struttura pensata per una vita “smart” nel pieno centro del capoluogo lombardo, con spazi verdi e soluzioni domotiche

Hanno già trovato i loro nuovi proprietari i bilocali, trilocali e quadrilocali del Borgo La Vetreria di Milano. Con metrature che vanno dai 90 ai 170 metri quadrati circa, gli appartamenti offrono soluzioni adatte a ogni tipo di esigenza. Situato tra l’Università Bocconi e la Fondazione Prada, il progetto nasce dalla struttura dismessa di un luogo di creatività: l’industria dove, negli anni Sessanta, venivano plasmati i grandi posacenere in vetro con il marchio Campari.

Pubblicità

Dove, qualche decennio fa, il vetro – che tutt’ora dà il nome al Borgo – veniva declinato in mille forme, oggi è possibile abitare in maniera “smart”…

Articolo pubblicato su Casa Naturale settembre-ottobre 2020

Continua a leggere sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Piccole case, grandi progetti

Abitazioni compatte, sostenibili e in completa simbios...

cassonetti rifiuti | distanza dalle abitazioni

La distanza dei cassonetti dei rifiuti dall’abitazione

Abito in un appartamento al piano terra, il cui ingress...

Il cotone organico

Che cos’è il cotone organico

Che cos’è il cotone organico Il cotone biologico è un...

Osservare l’albero da dentro

Una casa tra i rami può essere il punto di partenza pe...

Ridefinire il benessere

Un progetto che unisce la cultura francese con quella...

Casa Naturale su Instagram