Tra sogno e poesia

di Redazione Casa Naturale

Atelier de l’architecte

L’edificio, nel comune francese di Douvaine in Alta Savoia, è stato terminato nel 2014 e costituisce uno spazio di lavoro e di vita che rispecchia il motto dello stesso architetto Xavier Fromont: “Un architetto deve essere un sognatore e poeta che mette sempre in primo piano i propri sentimenti”.

Scopriamo i segreti dell’originale opera Atelier de l’architecte.

Atelier de l’architecte - particolareL’edificio, caratterizzato da un volume massiccio e da forme strutturali rigorose, offre alla vista un aspetto estetico dalla forte personalità, arricchito dalla contrapposizione cromatica netta fra il rivestimento scuro che fa da sfondo e le spettacolari strisce curve in metallo inossidabile di colore chiaro che si intrecciano lungo l’intera superficie dell’edificio, assolvendo anche alla funzione di protezione delle pareti. Il rivestimento esterno dell’intero involucro è stato realizzato con il pannello in alluminio per copertura e facciata Prefa FX.12 in colore nero. Le facciate dell’edificio sono fissate su supporto di tavole di legno lamellare montate con un sistema a cassetti di spessore totale 40 cm, nella cui intercapedine è stato inserito un materiale isolante altamente performante. Questa soluzione tecnica da una parte dona un aspetto spettacolare all’edificio e dall’altra lo rende perfettamente sostenibile. Infatti, il sistema isolante di facciata contribuisce all’ottimizzazione della prestazione termica dell’Atelier de l’architecte, concepito come Energyplus- house.

IL CONCEPT

Atelier de l’architecte - vista frontalePer la coppia di architetti la progettazione del proprio studio prende le mosse dalla concezione dell’ambiente professionale quale “spazio vitale primario” e in quest’ottica si è sviluppata la ricerca architettonica che ha portato a scelte che mettono in primo piano il benessere abitativo e la funzionalità. L’atelier si configura come un ambiente lavorativo dinamico, solido e caratterizzato da un elevato valore espressivo in cui apparenti contraddizioni si incrociano e si fondono, arrivando a creare una sintesi armoniosa.

Nella progettazione degli interni, l’architetto si è lasciato guidare dal proprio istinto, perseguendo l’idea di benessere, di serenità e naturalità, raggiunta grazie all’impiego di materiali non lavorati come OSB bianco, cemento, metallo e vetro. L’aspetto esterno dell’edificio dialoga con l’ambiente circostante giocando con gli elementi naturali e i suoi movimenti, senza pretese di mimetismo ma attraverso un rispettoso dialogo con essi.

www.prefa.com

© Riproduzione riservata.

Abbonati online

fino al 50% di sconto

100 Idee per Ristrutturrare Digital Edition 100 Idee per Ristrutturrare Apple App Sore 100 Idee per Ristrutturrare Google Play Store

Digital Edition

Disponibile su browser, tablet e mobile app iOS e Android.

Prova Gratis

save papersave paper

Edizione Cartacea
+ Digital Edition

Scegli la comodità del cartaceo con in più la versione digitale.

Abbonati Ora

1 anno a soli 21,50 €

Partner

I più letti

Energia domestica: utenze pubbliche addio

Sarotto Group presenta sul mercato un’innovativa soluz...

Il tetto a prova di emergenza climatica

Sempre più spesso la cronaca ci restituisce scenari dr...

cassonetti rifiuti | distanza dalle abitazioni

La distanza dei cassonetti dei rifiuti dall’abitazione

Abito in un appartamento al piano terra, il cui ingress...

Il cotone organico

Che cos’è il cotone organico

Che cos’è il cotone organico Il cotone biologico è un...

Due case in una

Grandi vetrate e avancorpi a sbalzo sono le principali...

Casa Naturale su Instagram