cohousing | veduta di una mansarda in legno | condividere | abitare insieme

Il cohousing per ripensare i modelli abitativi

I trend demografici italiani parlano chiaro: si va verso una società sempre più anziana. Occorre ripensare i modelli abitativi per favorire un invecchiamento attivo. Il cohousing e la condivisione di spazi, servizi e tempo libero possono diventare la soluzione.

Indipendenti ma insieme

L’Italia è la nazione più vecchia d’Europa e il secondo Paese al mondo con la maggior percentuale di anziani dopo il Giappone. Primato certo non invidiabile, che rispecchia un’ormai cronica denatalità, ma che è pure indice di un miglioramento dei servizi sanitari e di un allungamento dell’aspettativa di vita. Ci avviamo, insomma, verso una società di over 65 e occorre essere preparati. Anche, forse soprattutto, nei modi di abitare.

«Un adolescente di oggi avrà un carico sulle spalle più grande dei suoi coetanei del passato. Oltre ai genitori, ci saranno i nonni e magari pure qualche bisnonno. Un problema sia per l’assistenza e la qualità della vita, sia da un punto di vista della sostenibilità economica. Non esiste nessun sistema di welfare occidentale in grado di reggere una situazione del genere e di certo, nonostante i grandi numeri, non possiamo riempire le città di case di riposo o costruire dei “golden ghetto” per anziani».

Il professor Niccolò Casiddu, direttore del dipartimento Architettura e Design dell’Università di Genova ed esperto di senior housing, non ama le soluzioni “totalitarie” e stigmatizzanti. «Nessuno desidera vivere in una “casa per vecchi” e neanche in un quartiere o in un villaggio dove ci siano solo persone anziane. Esperimenti del genere, tentati negli Stati Uniti, sono falliti. Le parole chiave per il futuro sono, allora, adeguamento e varietà».

L’adeguamento, innanzitutto. «Spesso – spiega Casiddu – anziani soli, soprattutto donne, si ritrovano a vivere in case enormi che diventano un vero incubo: costose, difficili da scaldare, gestire e tenere in ordine. È bene allora pensarci in anticipo e progettare abitazioni adattabili al mutare delle esigenze nel tempo. […] Segue »

Per sfogliare l’articolo completo clicca qui, 90 secondi di consultazione gratuita. Registrandoti avrai invece accesso a un mese di lettura libera della rivista!

Se vuoi abbonarti, ecco il link.

di Giorgia Marino

Approfondimenti

Le residenze universitarie sono un modello abitativo di cohousing sempre più funzionali e funzionanti. Leggi di più!

© Riproduzione riservata