Veduta di Locana (ph. ww.comune.locana.to.it)

Ripopolare la montagna: il comune di Locana offre 3mila euro a chi prende la residenza

Lo spopolamento dei piccoli borghi di montagna è una triste tendenza che ormai da parecchi anni pare inesorabile. Con conseguenze non solo culturali, come la perdita di antichi saperi e tradizioni locali, ma anche ambientali. L’abbandono dei territori e l’incuria a cui sono lasciati campi e boschi un tempo accuditi da contadini e pastori, può portare a conseguenze drammatiche, come gli incendi che hanno devastato la Val di Susa nell’autunno 2017.

A scuola in montagna

Tutti buoni motivi per accogliere con favore qualsiasi iniziativa capace di riportare le persone a vivere in montagna. Una bella idea l’ha avuta ad esempio il sindaco di Locana, comune di 1450 abitanti nel cuore del Parco Nazionale del Gran Paradiso. Con una delibera approvata a metà maggio, il consiglio comunale ha infatti deciso di assegnare un bonus di 3mila euro all’anno, per un massimo di tre anni consecutivi, alle famiglie con figli in età scolare che spostino la loro residenza nel borgo piemontese e iscrivano i bambini a scuola.

L’iniziativa, battezzata “Tutti a scuola a Locana”, «mira ad agevolare il rientro dei molti locanesi che hanno abbandonato la montagna e a favorire l’arrivo di nuovi nuclei familiari», spiegano gli amministratori comunali. Il grande sforzo di promozione turistica intrapreso in questi ultimi anni non è infatti bastato ad invertire il trend di riduzione della popolazione che ha investito il paesino, passato dai 1708 abitanti del 2007 ai 1450 attuali. Con l’istituzione di questo contributo economico, i locanesi sperano così di attirare almeno una decina di nuove famiglie.

© Riproduzione riservata