Villa minimal, minimi consumi

Ecco una villa minimal per stile, che colpisce per il design contemporaneo, è caratterizzata da linee squadrate e pulite. Un’abitazione con gli spazi interni ampi e luminosi, contrassegnati da grandi superfici vetrate, capaci di far dialogare l’ambiente con l’esterno.

Villa minimalLa villa che guarda al futuro

IInnovazione, etica, comfort, funzionalità. Sono le caratteristiche che Wood Beton ha inserito in quella che è già stata denominata “la villa che guarda al futuro”, una residenza privata costruita a San Giacomo delle Segnate (Mantova).

Dal punto di vista costruttivo e dell’efficienza energetica, si tratta di una casa prefabbricata, capace di offrire grandi prestazioni termiche, bassi consumi e conseguente risparmio nei costi di gestione.

Solo cinque mesi per la villa minimal

Villa minimalA realizzarla, in soli 5 mesi e con un progetto “chiavi in mano”, è stata Wood Beton, società specializzata nel campo dell’edilizia residenziale e in quello delle grandi strutture in legno lamellare e massiccio.

L’edificio, che in totale copre circa 350 metri quadrati, si sviluppa su due livelli: il piano terra, con la zona giorno, è di forma rettangolare e ha un portico posto su uno dei due lati minori; la zona notte, al piano superiore, presenta invece quattro terrazze. Wood Beton si è occupata di ogni aspetto: dagli scavi iniziali alle fondazioni in cemento armato, fino alla struttura, realizzata con solai Prepanel e pareti Aria.

Villa minimalL’utilizzo di questo tipo di solai, misti legno-calcestruzzo, ha permesso di ottenere un peso dimezzato e una maggiore qualità.

Le pareti Aria, con telaio in legno lamellare e caldana esterna collaborante in calcestruzzo, sono invece state dotate di una camera d’aria che garantisce il risparmio energetico.

Doppia struttura in legno e calcestruzzo

La principale innovazione del sistema usato, punto di forza delle costruzioni di Wood Beton, è la duplice struttura in legno e calcestruzzo, che eleva i pregi di entrambi i materiali: il cemento risponde infatti all’esigenza di solidità e robustezza, mentre il legno eleva il comfort e l’estetica.

Villa minimalIl risultato? Un perfetto mix di efficienza, eleganza e avanguardia.

Finiture e scelte di qualità


La realizzazione sartoriale della villa, con questa estrema cura ai dettagli, è stata al centro non solo delle scelte progettuali, ma anche di quelle tecnologiche e di finitura. I serramenti sono stati fatti in alluminio con triplo vetro, i parapetti dei balconi in vetro, le soglie e i davanzali in pietra gaia grey. Sulle due pareti laterali dell’abitazione è invece stato posto un rivestimento in legno, costituito da doghe orizzontali in larice.

Riscaldamento da pavimento

Villa minimalIl riscaldamento è autonomo con caldaia a condensazione ed è affiancato da un impianto solare termico. Come per il raffrescamento, anch’esso avviene tramite pavimento, in modo da mantenere l’aria nella parte medio-bassa delle stanze. Non mancano infine un impianto di ventilazione meccanica controllata e un impianto fotovoltaico.

 

 

a cura di Daniele Angi

© Riproduzione riservata