Una casa vacanze in riva al lago… tutto green

L’Holiday Cottage è una casa per le vacanze sulla costa del lago di Kapuvar, nell’Ungheria nord-occidentale, concepita come parte integrante dell’ambiente e connessa con il territorio. Il progetto segue una geometria semplice, è distribuita su un unico livello e realizzata scegliendo unicamente materiali da costruzione “verdi”. La semplicità dell’insieme è evidente non solo nell’organizzazione dei suoi volumi, dunque, ma anche nella stretta successione fra materiali naturali e artificiali. L’intero involucro è realizzato in larice puro, senza l’aggiunta di alcun ornamento, mentre parte della copertura è in metallo, proveniente da riciclo, e intere sezioni dei prospetti sono vetrate. Il piano terra è definito dalla trasparenza e dagli spessori sottili degli elementi compositivi ed è organizzato seguendo due unità principali: la zona giorno centrale, con lo spazio living e la sala da pranzo, e la terrazza rivolta verso il verde, completamente aperta, ma protetta da una copertura.

La zona giorno centrale usufruisce di una superficie completamente vetrata e rivolta verso il panorama del lago, mentre le altre sezioni verticali sono in legno e coprono anche le unità per i servizi. Per rispondere alle necessità legate al risparmio energetico e al contenimento dei consumi, l’involucro edilizio ospita un sistema di protezione dall’eccessivo irraggiamento, in estate, e da un equivalente raffreddamento, in inverno. Un esempio: la terrazza si può chiudere completamente e diventare un altro ambiente della zona giorno, protetto dall’esterno. Ma non solo. Le grandi vetrate ospitano delle tende efficienti, di ultima generazione, in grado di coprire le superfici trasparenti e farle diventare pareti capaci di maggiore protezione. L’area di meditazione a lato del camino, inoltre, ha una doppia funzione; serve, infatti, anche come filtro di protezione dal vento, particolarmente forte in questa zona geografica ed è bloccato dalla parete a lato del camino. Ultima nota, l’intero progetto poggia su una piattaforma, una soluzione scelta sia per motivi logistici e di cantiere, sia per dare un’ulteriore dimensione onirica al progetto, che sembra galleggiare sul terreno.