legno resistente

Legno resistente, eterno, bellissimo

Shou Sugi Ban è un trattamento superficiale ecologico, non tossico e naturale, per rendere il legno resistente al fuoco e agli agenti atmosferici. Consiste in un processo termico controllato di carbonizzazione della superficie del legno. Le reazioni, provocate dalla bruciatura del fuoco, non danneggiano il materiale, ma lo preservano, arricchendolo di prestazioni di altissimo livello tecnico, senza creare deformità o incurvature.

Come si rende il legno resistente

Il Shou Sugi Ban usa il vapore e il calore per sigillare i pori del legno, trasformandolo in ignifugo e impermeabile all’umido e all’acqua: si evita così il rischio di funghi e di muffe. La tecnica, che è un’alternativa naturale al legname trattato in autoclave, con resine o chimicamente, è applicabile su qualsiasi essenza, permette di trasformare le specie più diffuse o a chilometro zero (conifere, pini, betulle, pioppi), rendendole paragonabili a quelle esotiche, note per le caratteristiche di resistenza (specie se applicati in esterno), ma che presentano costi economici e ambientali elevati.

Alta capacità isolante

Il procedimento migliora, inoltre, la capacità isolante (del 20 o 25%) e fonoassorbente e riduce la possibilità di deformazioni: durante la carbonizzazione, infatti, viene fatta uscire anche la percentuale di acqua, che normalmente rimane all’interno del legno stagionato. Altri aspetti positivi sono, infine, la leggerezza, una buona resistenza agli agenti chimici, agli UV e un ciclo vita superiore ai sessant’anni.

Ecologico e pratico

La tecnica è totalmente ecologica sia per la sua realizzazione sia per il suo smaltimento. Tuttavia, durante il processo, il legno perde alcuni dei suoi composti, divenendo un po’ più fragile e riducendo di poco il suo modulo elastico: per questo motivo la sua applicazione non è l’ideale per le parti strutturali, ma è ottima per rivestimenti, finiture architettoniche esterne, mobili (da esterno e interno) e per gli interiors, grazie anche alla sua forte componente materica ed estetica.

 

Tre caratteristiche:

  • Sostenibilità
  • Resistenza
  • Estetica