Legno di recupero: ieri come oggi

Legno di recupero: ieri come oggi

Pavimenti in legno eleganti, sofisticati e, soprattutto, ecologici. L’elevata qualità di un parquet lavorato interamente a mano si unisce al rispetto per l’ambiente e dell’ecosistema. Recuperare, restaurare per poi riutilizzare. Nel mezzo c’è un processo di lavorazione che pone l’accento sull’ecologia e sull’impatto ambientale. L’azienda utilizza solo legno di recupero ottenuto da aree vicine alla sede di produzione, nella cornice naturale del Parco Nazionale delle Dolomiti bellunesi, posato con colle prive di composti tossici, cere o olii naturali.

Il recupero del legno

Avviene attraverso un lungo processo che gli artigiani portano avanti utilizzando prodotti atossici e sostanze di rifinitura naturali: olio di lino, di canapa, di girasole, propoli, cera d’api e cera carnauba.

Impresa etica

Il risparmio delle risorse energetiche è una filosofia seguita dall’azienda anche nell’ambiente lavorativo. Il complesso sistema di riscaldamento della sede aziendale è alimentato interamente da residui vergini di lavorazione. Questa filosofia è valsa all’azienda numerosi riconoscimenti e attestati di prestigio, tra i quali la collocazione al secondo posto per la produzione di materiali biocompatibili adatti alla bioedilizia, ottenuta dall’ente mondiale Greenpeace. In queste pagine, un pavimento in abete antico in una residenza privata e in un hotel a Cortina.

[wzslider autoplay=”true” interval=”5000″ lightbox=”true”]

In dettaglio

Dimensioni: larghezze miste comprese tra 13 e 30 cm e lunghezze miste comprese tra 70 e 400 cm
Spessore: 1,8 o 2,1 cm.
Trattamento antitarlo: in sottovuoto HP in essicatoio a 80°C
Finiture: cera
Possibili finiture supplementari: oliatura
Possibili tonalità naturale: grey o white

Certificazioni

Dall’anno 2006 l’azienda si è organizzata in conformità alle normative UNI EN ISO 9001:2000 e si è certificata con CERMET per la Progettazione e produzione di pavimenti e rivestimenti per pareti, soffitti e scale in legno antico, legno nuovo, legno e pietra. La certificazione del Sistema di Qualità pone al centro delle attività aziendali il committente. Questa scelta organizzativa, effettuata volontariamente, riflette l’intenzione della direzione aziendale di fornire ai propri clienti una ulteriore evidenza del controllo dei processi organizzativi e produttivi, finalizzati alla realizzazione di un prodotto su misura. Con periodicità annuale gli ispettori qualificati del CERMET verificano il controllo di tutte le attività e di tutte le risorse aziendali coinvolte nella realizzazione di un prodotto di qualità.

Legno Made in Italy

La fabbricazione di questo parquet è interamente italiana. Durante tutte le fasi della lavorazione esiste identificabilità e tracciabilità del prodotto; sono disponibili le dichiarazioni e le certificazioni per le materie prime e per il prodotto commercializzato; materie prime e componenti sono esclusivamente italiane.

Tracciabilità

La materia prima di maggior utilizzo, il legno antico, è un materiale di recupero che si inserisce in un discorso di protezione ambientale in quanto rimette in circolo materiale nobile senza impatti; il materiale nuovo è tutto certificato PEFC che testimonia la provenienza da deforestazioni controllate, le colle sono prive di formaldeide e pentaclorofenolo, quindi non hanno composti organici volatili che possano mettere a rischio la salute del committente.

www.pavimentiantichi.com


di Petra Romanov