Reinhold Marsoner direttore Fiera Bolzano

Intervista a Reinhold Marsoner, direttore di Fiera Bolzano

Quali sono le aspettative per questa nuova edizione di Klimahouse?
Nonostante il clima generale, noi siamo e rimaniamo ottimisti. Klimahouse è la fiera leader del settore: ci sono le aziende più rinomate e, come ogni anno, Klimahouse offre una serie di opportunità, quali un convegno con relatori di fama internazionale (tra questi Werner Sobek e Boris Pedrecca), un programma di visite guidate ad edifici innovativi, un mare di incontri ed eventi informativi, nonché le novità degli espositori altamente specializzati.

Cosa è cambiato secondo lei nel panorama dell’edilizia sostenibile nell’ultimo anno?
Prima di rispondere a questa domanda è da chiarire cosa vogliamo intendere con “sostenibilità in edilizia”. Questo in quanto il termine “sostenibilità” mi sembra piuttosto inflazionato. Spesso ho la sensazione che sia diventata una parola di moda, senza, o comunque con poco contenuto. Quindi è da capire come gli attori del settore edile in Italia intendono – o cosa intendono – quando si parla di sostenibilità.

Quello che posso dire, è che la percentuale della popolazione che crede veramente nella necessità di cambiare radicalmente rotta è alta – parliamo di un 25%, che corrisponde ad un quarto dei cittadini che sono disposti a partecipare attivamente. Possiamo essere convinti che questo quarto spinga in modo che le circostanze finalmente migliorino. A questo quarto poi se ne aggiunge un altro che, nonostante inattivo, è simpatizzante per cambiamenti seri.

La politica degli incentivi al risparmio energetico sarà un volano per lo sviluppo del settore?
Ritornando a quanto detto sopra, per chi è disposto a cambiare, questi incentivi sono e saranno un volano per lo sviluppo positivo del settore.

Restano confermati i settori merceologici che finora sono stati protagonisti della fiera?
Assolutamente sì. Ma mi preme sottolineare che diventa sempre più importante quella parte che si interessa del risanamento del patrimonio abitativo, o meglio del patrimonio del costruito.