Reinhold-Marsoner-Direttore-Fiera-Bolzano

Intervista a Reinhold Marsoner, Direttore di Fiera Bolzano

Dal 28 al 30 marzo 2014 alla Stazione Leopolda di Firenze sarà di scena Klimahouse Toscana, la nuova piattaforma per l’edilizia ad alta efficienza energetica in una regione dal grande potenziale. Ampio il sostegno delle istituzioni e delle associazioni di categoria cittadine e regionali. Ce ne parla il Direttore di Fiera Bolzano, Reinhold Marsoner.

Perché la Toscana? Come nasce questa sinergia?

Nel 2014 Fiera Bolzano amplia l’offerta di fiere “Klimahouse” con un nuovo appuntamento: Klimahouse Toscana si svolgerà a Firenze, alla Stazione Leopolda, dal 28 al 30 marzo 2014. L’evento punta a dare ancora più slancio al progetto Klimahouse nel Centro Italia, in una regione dalle grandi potenzialità. Il partner principale è l’Agenzia Fiorentina per l’Energia, che rappresenta l’Agenzia CasaClima a livello regionale, ma anche il Comune di Firenze, la Regione Toscana, la Provincia di Firenze, Confindustria Toscana, l’Ordine degli Architetti, degli Ingegneri, il Collegio dei Geometri e dei Periti Industriali, Confartigianato e CNA Firenze, ANCI Toscana, ARPAT, FNA Federamministratori, EALP e FORMEDIL Toscana hanno concesso il patrocinio alla manifestazione. Queste sono delle buone basi per ottenere una manifestazione di successo, in un territorio già sensibile alle tematiche ambientali.

 Su quali elementi basa il successo il modello fieristico Klimahouse?

Forte di un know-how e di un’esperienza tipicamente altoatesina, Fiera Bolzano ha avviato un cammino di crescita alimentando sempre più l’attenzione verso ai temi energetici. Il forte impegno nella costruzione di una cultura energetica alternativa a quella del petrolio e il grande successo riscontrato da Klimahouse hanno spinto Fiera Bolzano a ‘esportare’ questa formula vincente nel centro Italia e sud Italia con delle edizioni itineranti. Il marchio Klimahouse è sinonimo di fiera leader in Italia nel settore dell’efficienza energetica e della sostenibilità nell’edilizia con espositori altamente specializzati e un programma formativo ed informativo che offrono qualità, risposte e soluzioni per costruire in maniera sostenibile, risparmiando energia e rispettando l’ambiente.

Quale sarà il filo conduttore della manifestazione toscana?

Come per tutte le manifestazioni Klimahouse, il filo conduttore è rappresentare un punto di incontro privilegiato per architetti, ingegneri, geometri, privati, imprenditori edili, aziende, enti pubblici e addetti del settore nonché pubblico finale che desiderano informarsi sulle soluzioni e sui vantaggi del risparmio energetico in edilizia e offrire momenti di approfondimento e di studio sulle principali tematiche legate alla sostenibilità: cicli di conferenze, convegni, seminari, workshop e visite guidate a edifici certificati. Questa volta mirato per il pubblico di centro Italia.

 Che risposta si aspetta da espositori e pubblico?

La vendita degli spazi alla Stazione Leopolda ha superato le aspettative ed ad oggi abbiamo già una lista di attesa, essendo l’area a disposizione di circa 5.000 metri quadri. Abbiamo riscontrato un buon interesse da parte delle aziende e quindi ci aspettiamo lo stesso anche da parte dei visitatori.