I segreti per dormire bene

Temperatura, aerazione, assenza di luci e rumori fastidiosi. Ma l’elemento più importante nella camera da letto è il materasso giusto. E ognuno può scegliere quello adatto alle sue esigenze.

L’acquisto di un materasso è un investimento sulla salute e i benefici legati ad un sonno naturale e ristoratore si riflettono sul benessere quotidiano. Lino, cotone, lana, crine, soia e lattice vegetale sono alcuni dei materiali che contraddistinguono una scelta ecosostenibile. I prodotti più green sono anche antiallergici, antibatterici, traspiranti e capaci di mantenere un microclima salubre. I materassi in lattice rivestiti da tessuto di cotone, vengono sottoposti a procedimenti tecnologici che assicurano, negli anni, il mantenimento delle capacità di resilienza ed elasticità dei prodotti. L’evoluzione del sistema a molle ha portato a micro-molle indipendenti, di differente portanza per supportare e distribuire il peso in modo capillare e omogeneo su tutta la superficie. Le aziende più attente si propongono, inoltre, di abbassare il loro impatto sull’ambiente.

Dormire bene: i miti da sfatare

Esistono alcuni luoghi comuni sul sonno che vale la pena di smentire, come dimostra, fra gli altri, la National Sleep Foundation di Arlington, U.S.A.

1 Poche ore di sonno per notte sono sufficienti. Ogni individuo necessita in media di 7-9 ore di sonno per notte. Il riposo influisce infatti su fattori come peso, energia e produttività. Una prolungata carenza di sonno porta a stress e spossatezza.

2 Alla guida, aprire il finestrino, accendere la radio o il climatizzatore aiuta a restare svegli. Sono rimedi inefficaci: se si è assonnati l’unica cosa da fare è fermarsi in un’area di sosta e dormire per 15-45 minuti. Le bevande contenenti caffeina contribuiscono a sconfiggere la stanchezza, ma il loro effetto dura poco e entra in azione dopo circa 30 minuti.

3 Il vino e le bevande alcoliche aiutano ad addormentarsi più velocemente. L’alcool può avere un effetto calmante e velocizzare la fase di addormentamento, ma aumenta il numero di volte in cui ci si sveglia durante la notte.

4 Guardare la televisione e lavorare al computer a letto aiuta ad addormentarsi. Tuttaltro, può portare a stati di agitazione che compromettono la qualità del riposo: la camera da letto dovrebbe essere utilizzata solo per attività rilassanti.

5 La musica interferisce con un riposo corretto. Studi effettuati all’Università di Tübingen hanno dimostrato che una dolce stimolazione sonora durante il sonno non solo non è nociva, ma può addirittura migliorare la memoria.

8 consigli per dormire bene

1 Una moderata attività fisica durante il giorno favorisce un buon riposo.

2 Assumere tanta luce solare durante il giorno promuove la naturale produzione di melatonina, un ingrediente necessario per un buon sonno.

3 I sonnellini possono rovinare il sonno di notte se superano i 30-40 minuti, ma se non superano questa soglia, sono un’ottima strategia per ricaricare il corpo durante il giorno, migliorare la concentrazione e attenuare lo stress.

4 Far attenzione all’alimentazione. Mangiare pesante prima di andare a dormire è sconsigliato, ma anche andare a letto a stomaco vuoto potrebbe essere un problema quindi se si è mangiato poco tutto il giorno, uno spuntino leggero, un paio di ore prima di dormire, è davvero consigliato.

5 Dormire al buio. Anche ad occhi chiusi la luce può disturbare il sonno.

6 Organizzare il proprio sonno. E’ importante svegliarsi e andare a dormire alla stessa ora per non interferire con il proprio orologio biologico.

7 La stanza da letto deve essere fresca. La temperatura ottimale per un buon sonno è tra i 20 e 18°C.

8 Un bagno caldo un paio di ore prima di dormire aumenta ma in seguito diminuisce la temperatura corporea, inducendo una benefica sensazione di sonnolenza.