Come si fa il compost domestico

Come si fa il compost domestico?

L’attività di compostaggio può essere svolta scegliendo tra due modalità: in cumulo oppure in compostiera. La preparazione del compost domestico è simile, la differenza sostanziale sta nei tempi di maturazione del compost. Nel caso del cumulo ci vuole circa un anno per ottenere humus pronto per l’utilizzo; con la compostiera, invece, il processo è accelerato e in pochi mesi il compost giunge a maturazione. Molte compostiere in commercio sono, poi, in grado di facilitare la trasformazione.

Dove si fa il compost domestico?

Si può scegliere di fare il compost domestico in vari punti della casa: nel cortile condominiale, coinvolgendo i vicini, in giardino, in terrazzo, oppure in un orto condiviso così, autocompostando, si sperimenta anche la vita di comunità. I contenitori detti compostiere sono i più adatti ad ambienti ristretti e cittadini. Si possono acquistare ma spesso sono le stesse amministrazioni locali a darle in comodato d’uso. Oggi il compost domestico ha anche una via breve. Chi non ha spazio può utilizzare i moderni composter da casa, contenitori di design di circa 50x50x30 cm da collegare alla rete elettrica (con un consumo stimato di 5 kw al mese), che consentono di gestire il contenuto grazie ad un semplice display. In due settimane o poco più il compost è bello e pronto.

[wzslider autoplay=”true” interval=”5000″ transition=”‘slide’” info=”true”]

Illustrazioni di Francesco Mollo (riproduzione vietata)