Case galleggianti in alluminio riciclato

Quando si parla di riciclo forse è più facile e immediato che vengano in mente elementi in legno riutilizzati, cartone trasformato, vetro usato per nuovi scopi; ma stavolta sono di scena le potenzialità di un altro materiale di riciclo, l’alluminio che, al pari degli altri, può essere riutilizzato per contenere il consumo di risorse, energie, materie prime.

Eccone un esempio eclatante, un progetto avveniristico nord europeo, sede dell’innovazione sui materiali e sull’architettura a basso impatto. Sulla riva meridionale del lago di Geierswald, in Germania, è stata conclusa la costruzione di due case galleggianti che coniuga natura e design, tecnologia strutturale e tradizione compositiva. I fratelli Wilde, costruttori e architetti, hanno avuto bisogno di sei anni per sviluppare il progetto, frutto di un complesso lavoro di squadra per raggiungere risultati efficienti e un sistema costruttivo ottimizzato per le tipologie delle case galleggianti.

[wzslider autoplay=”true” interval=”5000″ transition=”‘slide’”]

 

Durante questo lasso di tempo sono state studiate con attenzione le soluzioni tecnologiche più adatte, come i pontoni galleggianti assemblati con perni di accoppiamento che hanno il compito di sostenere le strutture in vetro e acciaio. Uno dei capitoli più complessi, nella definizione della parte esecutiva del progetto, è stata la selezione del materiale più adatto. L’acqua del lago su cui affacciano le case, infatti, ha un PH molto basso, perché si tratta di uno specchio d’acqua artificiale, che copre dodici cave a cielo aperto in disuso. Questa caratteristica dell’acqua, pur non creando alcun problema per l’uomo, risulta estremamente corrosiva per i materiali da costruzione.

Dopo numerosi test e attività di ricerca, l’unico materiale adatto allo scopo è risultato essere l’alluminio e l’azienda più adatta a fornire gli elementi per comporre l’insieme è stata Prefa. Se, già in fase compositiva, uno degli obiettivi principali dei progettisti è stata la definizione di un involucro edilizio efficiente, l’uso dell’alluminio ha ulteriormente sviluppato l’attenzione verso la sostenibilità ambientale. Si tratta, infatti, di un materiale largamente presente in natura e completamente riciclabile.

Nel dettaglio, i laminati in alluminio Prefa sono prodotti al 90% da alluminio riciclato e sono essi stessi riciclabili alla fine del loro ciclo di vita. Per il rivestimento della copertura e della facciata, dunque, è stato applicato il centinato Prefalz nel colore silver metallizzato, che si integra nei prospetti della costruzione in acciaio e vetro. Inoltre, l’elevata flessibilità dell’alluminio unita alla sua facilità di lavorazione, ha consentito di realizzare una copertura duratura e di alta qualità. All’uso di materiali ecocompatibili, si abbina l’inserimento di impianti di ultima generazione, in grado di abbattere i consumi energetici e di essere coordinati da un sistema domotico. Il risultato è stato così soddisfacente che è in programma la realizzazione di altre case sul lago di Geierswald, per trasformare l’area in una ambita zona di vacanze.

di Valentina Montonesi (Riproduzione riservata)