10 modi per non sprecare cibo

10 modi per non sprecare cibo

Le statistiche sono impressionanti: quasi un terzo (che equivale a 1,3 miliardi di tonnellate) di tutto il cibo prodotto nel mondo viene sprecato. Questo è ancora più preoccupante se si considera che la fame uccide ogni giorno più persone di AIDS, malaria e tubercolosi messe insieme. Inoltre, gli scarti alimentari sono i rifiuti che contribuiscono alla maggiormente produzione di gas serra.

Per evitare tutto questo, la soluzione è solo una ed è molto semplice: cercare ogni giorno di non sprecare cibo. Vediamo alcuni consigli da applicare tutti i giorni nella nostra vita quotidiana.

Pianificare la spesa

Prima di fare la spesa, controllate attentamente il vostro frigo e la dispensa. Solo così avrete modo di capire di cosa avete realmente bisogno e di cosa avete già una scorta adeguata, evitando di sprecare poi cibo.

Fare la spesa di frequente

Fare la spesa quotidiana piuttosto che la spesa settimanale aiuta a non fare una spesa abbondante, acquistando anche quello di cui non abbiamo realmente bisogno. Un’ottima idea è quella di fare spesa nei mercati agricoli locali, sostenendo anche l’agricoltura della comunità locale, acquistando spesso piccole quantità di prodotti sempre freschi e stagionali. Oltre a supportare la comunità locale, questo tipo di spesa è a chilometro zero.

Attenzione agli acquisti all’ingrosso

Anche se acquistare grandi quantità di prodotti all’ingrosso consente un notevole un risparmio economico e di materiale per l’imballaggio, bisogna sempre fare attenzione a non comprare più del necessario, soprattutto per quanto riguarda i prodotti più velocemente deperibili. Alla fine, il risparmio economico non sarà reale se poi la maggior parte finisce nella spazzatura.

Porzioni più piccole

Se in famiglia c’è sempre qualcuno che avanza qualcosa nel piatto, prendiamo l’abitudine di fare porzioni più piccole. In questo modo, quello che viene cucinato in più può essere conservato, per poi essere mangiato in un secondo momento senza sprecare cibo.

Conservare gli alimenti

Come suggerito nel punto precedente, il cibo rimanente può essere conservato. Mettete in frigorifero o in congelatore il prima possibile i cibi, prima che si rovinino e non possano più essere conservati. Inoltre ricordate che non tutti i cibi si mantegono meglio al freddo, come aglio, pesche e pomodori, che si rovinano più velocemente in frigorifero.

Il vero significato della data di scadenza

Prima di buttare via del cibo che riporta una data di scadenza, approfondisci il significato di quella data. Spesso la data indicata è una data indicativa, secondo la quale dovebbe essere preferibilmente consumata, ma non è detto che il prodotto non sia più sicuro, al di là della data indicata. Ricordare comunque che, una volta aperta una confezione, la data di scadenza di un prodotto si accorcia notevolmente, quindi non fa più fede la data di scadenza indicata.

Il compost

Il 40 per cento dei rifiuti domestici medi di una famiglia è rappresentato dai rifiuti organici. Con il compostaggio, non solo si mantegono lontani dalle discariche i rifiuti, ma è utile anche per fornire nutrimento alle vostre piante.

Cucina creativa con gli avanzi

Utilizzare il pane secco per fare degli ottimi crostini è solo una delle tante idee che potete mettere in pratica in cucina per fare meno sprechi possibile. Esistono molte ricette di recupero che sicuramente faranno al caso vostro.

Aiuti alimentari per la comunità

Esistono molte organizzazioni che ogni giorno fanno raccolte alimentari per le persone più bisognose. Tutto ciò che per voi è in sovrappiù potrebbe essere fondamentale per qualcun’altro in difficoltà.

La doggy bag

In Italia non è un’operazione diffusa perché considerata spesso poco elegante. Ma la cosiddetta doggy bag, permette di non sprecare il cibo anche quando siete fuori casa. Non vergognatevi, dunque, nel chiedere di poter portare a casa i vostri avanzi, se questo significa aiutare il pianeta con un piccolo gesto.