porte ecosostenibili

Porte ecosostenibili in legno che rispettano l’ambiente

Le porte della casa hanno un ruolo molto importante nella nostra vita, nonché, un valore simbolico: possono tenere separati, oppure unire gli ambienti e le persone che abitano la casa. Come oggetto a se stante, la porta può mostrarsi oppure nascondersi dietro ai muri della casa e diventare invisibili. Per chi cerca soluzioni ecosostenibili, oggi il mercato offre un’ampia gamma di proposte, capaci di soddisfare le scelte di chi vuole vivere green anche all’interno della propria casa, accontentando, comunque, i diversi gusti estetici.

L’esperto di architettura bioecologica, Mauro Rivolta, dello studio Ecoarch, si esprime a questo proposito:

“l tema delle porte “naturali” va inquadrato in una più ampia riflessione sull’arredamento
degli interni. Dobbiamo
porci gli stessi problemi che ci porremmo per un mobile della cucina o del soggiorno”. 

Il legno: la scelta migliore per le porte

Il legno è il materiale considerato più ecosostenibile di tutti, in quanto capace di mantenere quasi del tutto inalterate le proprietà naturali dell’ecosistema da cui proviene. Per questa ragione, negli ultimi anni, in cui il tema della sostenibilità ambientale e dell’ecologia è tornato a essere tanto importante, si è visto un sostanzioso impiego di questo materiale anche per le costruzioni in campo edilizio.

La scelta delle porte in legno è, dunque, senza dubbio la soluzione più rispettosa dell’ambiente, come afferma anche il progettista Rivolta, che prosegue affermando come questa decisione sia ottimale anche dal punto di vista delle risorse e del ciclo di smaltimento. Ciò che può fare la differenza, oggi, infatti, sono le vernici che esistono in commercio, realizzate con prodotti totalmente naturali,  l’architetto afferma:

“La generica indicazione di “vernice ad acqua” non è sufficiente. Anche se non esistono soluzioni a impatto zero, lo sforzo da fare è allontanarsi
il più possibile dal mondo dell’industria petrolchimica” .

Sono stati messi in commercio anche degli smalti che sostituiscono i solventi chimici con sostanze di origine vegetale, come il terpene d’arancio. Queste soluzioni naturali hanno delle pigmentazioni meno accese e aggressive di quelle che si trovano in commercio, essendo fatte proprio con le polveri delle pietre colorate.

La scelta della sostenibilità dei prodotti, però, non toglie nulla allo stile e alle scelte estetiche che saranno tutt’altro che rigide. Queste porte in legno si adattano a tutti gli ambienti di vita, dai più tradizionali, a quelli più contemporanei, e anche se si tende ad associare i materiali naturali ad uno stile che ammicca al passato, non vuol dire che il legno non possa essere impiegato in una location meno convenzionale ed essere totalmente rivisitato, modificando a sua volta, il gusto e l’atmosfera dell’ambiente in cui viene introdotto.