amianto

Inertizzazione per amianto

Per molto tempo l’amianto è stato considerato un factotum del settore edile, usato soprattutto per la sua incredibile ed estrema versatilità. La fibra killer, ormai fuori legge da ormai 25 anni, è purtroppo ancora presente in edifici, controsoffitti, prefabbricati, canne fumarie, pavimenti e ne restano da smaltire, approssimativamente, almeno 30- 40 milioni di tonnellate in tutto lo Stivale.

Secondo le stime, quindi, ci aspettano ancora 80 anni di bonifiche, sebbene le discariche sarebbero piene già dopo 14 anni.

Microwaste

Microwaste, la startup nata nell’ambito del Politecnico di Torino allo scopo di risolvere la spinosa questione dell’Eternit, propone quindi la via dell’inertizzazione: un processo ad altissime temperature che modifica la struttura della fibra, rendendola amorfa e non più cancerogena.

Una volta reso inerte, l’amianto potrebbe essere reintrodotto nella filiera edilizia e usato come additivo del cemento per conferirgli determinate caratteristiche.